All Posts Tagged: Aurora Floridia

INCHIESTA PERUGIA – FLORIDIA E PICCOLOTTI (AVS): “LA VULNERABILITA’ DELLE BANCHE È UN DATO MOLTO PREOCCUPANTE. IL PARLAMENTO APPROVI UNA LEGGE SULLA CYBERSECURITY”

“Il dato più preoccupante che emerge dalle audizioni in commissione antimafia di Melillo e Cantone riguarda la condizione di estrema vulnerabilità delle banche dati italiane dell’intero sistema giudiziario, sia rispetto ad attacchi interni di funzionari dello Stato infedeli ma, potenzialmente anche da attacchi esterni di organizzazioni criminali o terroristiche che potrebbero essere interessate a proteggersi dalle indagini o a minare la sicurezza nazionale.  La vera emergenza da affrontare è quella di porre rimedio all’esistenza di sistemi informatici ‘colabrodo’. La magistratura e la Procura nazionale antimafia devono essere messe in condizione di proteggersi da attacchi informatici di qualsiasi tipologia e di utilizzare in piena sicurezza sia le SOS, segnalazioni di operazioni sospette, che gli altri strumenti di indagine. AVS chiede che il Parlamento dia priorità al provvedimento sulla cybersicurezza e che siano programmati investimenti sufficienti ad ammodernare tutti i sistemi informatici delle istituzioni italiane.”

Lo affermano la senatrice Aurora Floridia e la deputata Elisabetta Piccolotti dell’Alleanza Verdi e Sinistra, componenti della Commissione Antimafia.

“In particolare è necessario sgombrare ogni dubbio rispetto a quella che il Procuratore Antimafia Melillo ha definito come il manifestarsi di una ‘insofferenza nei confronti dei controlli’, ribadendo il pieno sostegno del Parlamento all’importanza del ruolo dell’Antimafia nella lotta alla criminalità organizzata in Italia. È necessario poi fare chiarezza su quanti siano stati negli ultimi anni i procedimenti per accesso abusivo alle banche dati. Chi strumentalizza questa inchiesta a fini elettorali sta facendo un danno alla sicurezza del paese cercando di oscurare il vero problema con l’obiettivo di colpire la libertà di stampa e la tutela delle fonti dei giornalisti. Noi di AVS non abbiamo intenzione di permettere che questo accada, anche perché a quanto emerge dalle audizioni, si esclude che i giornalisti indagati possano aver estorto le informazioni con ricatti e dazioni di denaro, e si esclude anche che possano essere coinvolti in associazioni a delinquere o casi di spionaggio. La stampa libera è il cane da guardia del potere e un antidoto a impulsi antidemocratici ed è bene che faccia il proprio lavoro.”

Approfondisci

EX ILVA – AURORA FLORIDIA (AVS): “LA RICONVERSIONE INDUSTRIALE SENZA I CRITERI AMBIENTALI È LA SOLITA RICETTA FALLIMENTARE”

“Pensare di rilanciare il complesso industriale dell’ex Ilva, continuando ad intervenire a senso unico, con le solite soluzioni ‘tampone’ e puntando unicamente sulla garanzia produttiva, al ‘costi quel che costi’, è una logica fallimentare. È chiaro che la strategia di politica industriale, adottata fino ad oggi, non ha funzionato. Ma si continua fare sempre gli stessi errori. Non basta la solita iniezione di capitali senza riconvertire il polo produttivo di Taranto, città tra le più inquinate d’Europa. In assenza di una vera riqualificazione della produzione di acciaio a rimetterci continueranno ad essere i lavoratori, l’ambiente, la salute, lo stesso stabilimento, l’indotto e l’intero comparto siderurgico. E dispiace constatare che si sia previsto in extremis un piano industriale, senza tener tuttavia conto della dimensione ambientale e della necessaria decarbonizzazione.”

Lo afferma in Aula la senatrice di Alleanza Verdi e Sinistra Aurora Floridia.

“La necessità di coniugare la riconversione industriale del polo tarantino con criteri ambientali, nel rispetto della tutela della salute di lavoratori e cittadini è un obiettivo primario e non più rinviabile. Un concreto cambio di passo potrà esserci se si avrà il coraggio di ridisegnare una nuova politica industriale, che sia collegata e inserita nel Piano Nazionale Integrato per l’energia e il Clima (PNIEC), un piano che metta in relazione l’economia con la sostenibilità ambientale, l’obiettivo di mitigazione climatica e la coesione sociale. Serve un vero e proprio cambio di rotta, per sciogliere i nodi più urgenti e dolorosi. È ora che anche al Governo avvenga una ‘transizione culturale’, che dia rilevanza al binomio ambiente-economia. Il criterio ambientale rappresenta la vera marcia in più per lo sviluppo economico, in un’ottica di progresso e innovazione, utile e vantaggiosa per tutti, anche a livello occupazionale. L’inazione politica del Governo è fatale. È tempo di agire.”

Approfondisci

MILANO CORTINA – AURORA FLORIDIA (AVS): “LE MINACCE AL SINDACO LORENZI SONO UN ATTO RIPROVEVOLE E VIGLIACCO, CHE CONDANNIAMO”

“Le minacce di morte al sindaco di Cortina Gianluca Lorenzi sono un atto riprovevole e vile, che condanniamo con estrema fermezza. In questi mesi, le incertezze, i rimpalli e le dichiarazioni contrastanti, nello stesso governo, sulla costruzione della pista da bob, non hanno purtroppo contribuito ad avere un clima distensivo e di confronto. Così come la mancanza di dialogo con le comunità locali, le prime a subire  il pesante impatto ambientale ed economico di questa colata di cemento, voluta a tutti i costi dai piani alti, e su cui noi di Alleanza Verdi e Sinistra, come è noto, siamo stati contrari fin dall’inizio.  In ogni caso, mai la violenza verbale o fisica può diventare elemento della politica,  perché è questo uno dei requisiti cardine della nostra democrazia.”

Lo ha dichiarato la senatrice di Alleanza Verdi e Sinistra Aurora Floridia.

Approfondisci

AGRICOLTURA – AURORA FLORIDIA (AVS): “AVS VOTA NO A UN PROVVEDIMENTO DELUDENTE E POCO UTILE”

 

“Alleanza Verdi e Sinistra vota no ad un provvedimento poco utile e inconsistente, che non aiuta i giovani imprenditori, non sostiene il settore agricolo e risponde in modo superficiale e deludente alle richieste degli agricoltori, notoriamente i soggetti più deboli della filiera agroalimentare. Il Governo preferisce scaricare le proprie responsabilità sul Green Deal, anziché ammettere che le enormi difficoltà del comparto agricolo derivano in primis dalla scellerata approvazione della PAC, che oggi avvantaggia solo le multinazionali a danno dei piccoli. Nel governo è totalmente assente una visione “agro-ecologica” che possa aiutare i giovani agricoltori nei vari processi di conversione ormai già in atto, e traghettare il nostro Paese verso un’agricoltura di precisione, innovativa, digitalizzata e ambientalmente sostenibile. Un provvedimento che dovrebbe agevolare l’imprenditoria giovanile, che non prevede nessun incentivo alle start up più attente all’ambiente ma finanzia l’acquisto di terreni, o di aziende già operative. Tutte azioni legate ad un concetto di agricoltura ‘convenzionale’, oggi non più sostenibile e poco attrattiva per i giovani.”

Lo afferma la senatrice dell’Alleanza Verdi e Sinistra Aurora Floridia.

“Niente poi sulla diminuzione all’uso di pesticidi, che la Strategia europea sulla biodiversità chiede di ridurre del 50 per cento entro il 2030. Eppure il governo fa propaganda sulla genuinità dei cibi made in Italy, anche attraverso ben note campagne di strumentalizzazione contro i prodotti del futuro, come la carne coltivata. La tutela dei nostri eccellenti prodotti tipici passa necessariamente attraverso la tutela della biodiversità, la salvaguardia dell’ambiente e dei nostri fragili ecosistemi. I giovani imprenditori agricoli avrebbero bisogno di strumenti che consentano una riconversione dei metodi di produzioni agricola in chiave sostenibile. Ma questa logica non è proprio nelle corde del governo Meloni, che continua a sfornare decreti e disegni di legge superficiali e utili solo alla propaganda, sottraendosi alle grandi sfide ambientali, economiche e occupazionali.”

Approfondisci

MALTEMPO – AURORA FLORIDIA (AVS): “LA TRANSIZIONE ECOLOGICA NON È PIù RINVIABILE”

“Sono molto preoccupata per quanto sta accadendo nella mia Regione, il Veneto e in particolare a Vicenza, dove in queste ore si stanno verificando gravi esondazioni e allagamenti. Ogni volta che piove copiosamente, si ripete il solito frustrante copione. Purtroppo questi eventi non sono più eccezionali ma si ripetono a cadenza regolare, provocando stratosferici danni economici ai territori e anche talvolta perdita di vite umane. Per questo, non bastano più solo le parole e i minuti di silenzio ma serve accelerare sul contrasto al cambiamento climatico in atto, con l’attuazione di interventi concreti e precisi: legge quadro sul clima, legge sul consumo di suolo e contrasto al dissesto idrogeologico, mettendo in sicurezza l’Italia. La transizione ecologica non è più rinviabile, l’inazione del Governo sta creando grandi danni. Bisogna fare presto per stabilizzare il presente e garantire il futuro alle nuove generazioni.”

Lo ha affermato in Aula la senatrice di Alleanza Verdi e Sinistra, Aurora Floridia.

Approfondisci

DL SUPERBONUS – AURORA FLORIDIA (AVS): “LA DESTRA HA USATO IL SUPERBONUS PER ATTACCARE LE POLITICHE AMBIENTALI E DI CONTENIMENTO ENERGETICO”

“Il governo Meloni ha usato il Superbonus per attaccare le politiche ambientali e di contenimento energetico. La destra da sempre è contro il contrasto degli effetti distruttivi del cambiamento climatico, e si vede anche dall’inazione sulla transizione ecologica e sulla mitigazione degli effetti distruttivi del cambiamento climatico e dell’inquinamento, che sta soffocando il Nord Italia e la Pianura Padana. Il provvedimento sulle agevolazioni fiscali in termini ambientali è l’ennesima occasione persa dalla Meloni e dalla destra per mettere in atto vere politiche ambientali e di risparmio energetico. Il Governo ha deciso di perseguire con la solita vecchia logica politica “demolitoria”, ignorando l’obiettivo principale e cioè, quello di ridurre i costi ambientali ed economici connessi al consumo dell’energia.”

Lo afferma la senatrice dell’Alleanza Verdi e Sinistra Aurora Floridia.

“Alla Meloni i benefici ambientali e occupazionali generati dal Superbonus 110%, non interessano. Così come non interessano il risparmio consistente sui costi energetici per i cittadini, la riduzione della dipendenza energetica dall’estero, la riqualificazione degli edifici, e un deciso avanzamento nel processo di transizione ecologica, con la riduzione delle emissioni climalteranti. Il Governo è occupato a sanare situazioni di abusi edilizi, mostrandosi restio nell’attuare quelle politiche di adattamento e di mitigazione al cambiamento climatico che riducono efficacemente i consumi energetici e contribuiscono ad abbattere gli impatti ambientali. Garantire il rispetto della tutela dell’ambiente, della biodiversità e degli ecosistemi, anche nell’interesse delle future generazioni, richiede un comportamento responsabile, più coraggioso e innovativo: tutto quello che manca al Governo Meloni.”

Approfondisci

MILANO CORTINA – AURORA FLORIDIA (AVS): “RISCHIAMO UN DISASTRO”

“Come diciamo da tempo le Olimpiadi invernali Milano Cortina 2026 rischiano di essere un disastro. Oggi ne abbiamo avuto ulteriore conferma dalle audizioni in commissione Ambiente di Legambiente, Italia Nostra e Mountain Wilderness. Le criticità sono molte e, visti i tempi strettissimi, stiamo correndo il rischio che il gran numero delle opere progettate non verrà completato. I ritardi hanno compromesso anche il potenziamento delle linee ferroviarie e in generale del trasporto su ferro. Mentre altri territori alpini, come la Svizzera e l’Austria, stanno investendo risorse importanti sulle ferrovie periferiche, l’Italia nulla. Un bel guaio, vista la drammatica situazione di inquinamento atmosferico nella pianura padana. Ma si sa, al governo Meloni poco importa dell’ambiente.”

Lo afferma la senatrice dell’Alleanza Verdi e Sinistra Aurora Floridia.

“Andavano potenziate le linee laterali e costruite nuove linee, come l’anello ferroviario delle Dolomiti.  Invece è stato annullato tutto, nella completa mancanza di trasparenza e senza ascoltare i territori. Addirittura, durante i giochi invernali, verranno tolti alcuni vagoni delle ferrovie Trenord per implementare il traffico sulla tratta Milano Centrale – Tirano, con l’effetto che gli studenti pendolari dovranno andare in autobus. Si spendono 3 miliardi per le strade, mentre appena 400 milioni per le ferrovie. Solo briciole per la mobilità sostenibile. Una vera follia. Il Comitato Olimpico Internazionale aveva chiesto all’Italia di promuovere Olimpiadi sostenibili, invece sarà un disastro sia in termini ambientali che economici. Con il governo Meloni ci stiamo giocando tutto: il nostro prestigio, la nostra credibilità internazionale e il nostro futuro.”

Approfondisci

SCUOLA – AURORA FLORIDIA (AVS): “IL LICEO MADE IN ITALY SI PUò VINCERE A SORTE. PRESENTERò UN’INTERROGAZIONE”

“Altro che flop, si è ormai superato ogni limite. Il Liceo del Made in Italy, quando non è scelto volontariamente dallo studente, si può vincere a sorte. È il caso dell’Istituto Munari, a Crema, dove c’è stata solo un’unica iscrizione. Il dirigente della scuola ha deciso di risolvere la questione così, attivando comunque la classe con gli studenti che invece hanno scelto la vecchia opzione “economico sociale”, che sono un totale di 48 alunni. Una vergogna. Poco importa dei desiderata dei ragazzi, siamo arrivati alla dittatura scolastica? Presenterò un’interrogazione al Ministro Valditara, per chiedere se sia possibile una forzatura del genere e anche per sapere se questa situazione si stia verificando in altre scuole.”
 Lo ha affermato la senatrice di Alleanza Verdi e Sinistra Aurora Floridia.
Approfondisci

CARCERE DI MONTORIO A VERONA – ISPEZIONE A SORPRESA DI CUCCHI FLORIDIA E GUARDA

“Abbiamo svolto un’ispezione a sorpresa nella casa circondariale di Montorio (Verona): purtroppo solo negli ultimi 4 mesi ben 5 persone qui si sono tolte la vita. Durante la nostra visita siamo state informate che un detenuto in crisi psichiatrica ha distrutto la sua cella e non ha potuto avere la necessaria assistenza, poiché lo psichiatra non era disponibile. La direttrice ci ha raccontato delle mancanze croniche sul fronte dell’assistenza, confermata dal personale e dai tanti detenuti con i quali ci siamo confrontate. Capitolo a parte è quello che riguarda il grande consumo di psicofarmaci, la cui assunzione non sempre è controllata dagli specialisti. Ma c’è di più: abbiamo verificato forti carenze anche nel numero di educatori, attualmente solo due a fronte di 540 detenuti, con la conseguente difficoltà nel garantire la continuità di percorsi necessari all’umanizzazione di un luogo altrimenti insostenibile. Pochissime, solo alcune decine, sono le persone detenute, uomini e donne, che sono impegnate in attività lavorative, e solo 65 su 540 in attività di formazione professionale. Il percorso di riabilitazione e convivenza del carcere può dare risultati solo se viene affrontato seriamente da tutte le istituzioni. In carcere convivono persone con fragilità, patologie ed esigenze diverse, che senza stimoli e cure adeguate rischiano di perdersi in una spirale che porta spesso a gesti estremi. Una situazione condivisa da moltissime case circondariali, anche in un Veneto che si dice eccellente. Per questo a livello regionale Europa Verde ha già presentato un atto ispettivo in Consiglio regionale, data la competenza in materia sanitaria e sociale. In sede parlamentare le senatrici Ilaria Cucchi e Aurora Floridia verificheranno i dati rispetto alle recenti denunce delle associazioni riguardo l’aumento della somministrazione di psicofarmaci. Chiederanno conto e maggiore attenzione verso le donne detenute, che anche in carcere si trovano a convivere con minori servizi a loro dedicate.”

Così in una nota congiunta le senatrici di Alleanza Verdi e Sinistra, Ilaria Cucchi e Aurora Floridia, e la consigliera della Regione Veneto di EV, Cristina Guarda.

Approfondisci

CARCERI – CUCCHI E FLORIDIA (AVS): “ISPEZIONE A SORPRESA NEL CARCERE DI VERONA PER RECORD DI SUICIDI”

“Le senatrici dell’Alleanza Verdi e Sinistra Ilaria Cucchi e Aurora Floridia stanno svolgendo presso la Casa Circondariale Montorio di Verona una visita ispettiva a sorpresa dopo i recenti casi di suicidio. Quello di Verona è uno dei penitenziari più discussi d’Italia ed ha il primato per una delle piaghe che caratterizza il sistema detentivo italiano: quella dei suicidi. Nel carcere di Verona da novembre 2023 ad oggi sono cinque detenuti morti. Una situazione al limite. Al termine dell’ispezione, tra le 14.45 e le 15, le due senatrici incontreranno la stampa.”

Approfondisci