All posts by editor gruppomistosenato

QUIRINALE – LA MURA (MISTO): “LA PROPOSTA MADDALENA DA’ VALORE ALLA COSTITUZIONE”

“Al di là dei 40 proponenti del gruppo Misto di Camera e Senato, vorrei che il nome di Paolo Maddalena rispecchiasse la volontà collettiva di un Parlamento che intende finalmente dare valore alla nostra Carta costituzionale”. Così la senatrice del gruppo Misto, Virginia La Mura, che insieme ad altri 39 parlamentari, ha sottoscritto la scelta di candidare il professore Paolo Maddalena alla guida del Quirinale. “Anche perché promuovere come nuovo Presidente della Repubblica una personalità del calibro del professor Maddalena renderebbe merito al compito che noi parlamentari siamo chiamati a onorare, ossia quello di rappresentare in maniera virtuosa i cittadini, che di sicuro vorrebbero un Capo dello Stato equanime, inclusivo e lungimirante”, continua la senatrice. “Paolo Maddalena è il cambio di passo che abbiamo il dovere di assicurare al Paese dopo un periodo di oscurantismo della democrazia, dove soprattutto l’abuso della decretazione d’urgenza ha esautorato il Parlamento, camuffando avventate scelte politiche in atti di responsabilità presi sulla scia dell’emergenza”, conclude La Mura.

Approfondisci

QUIRINALE – DE PETRIS (LeU): “NESSUNA PRELAZIONE DEL CENTRODESTRA. L’ELEZIONE DI BERLUSCONI IMPLICHEREBBE CRISI E INSTABILITA'”

“Il segretario del Pd Letta ha ragione: la destra non può vantare alcun diritto di prelazione sull’indicazione del prossimo capo dello Stato. Non è questo il metodo che va usato per fare l’interesse del Paese e dare all’Italia ciò di cui ha bisogno in questo momento: un presidente della Repubblica che sia davvero di tutti e sappia garantire tutti”, afferma la capogruppo di LeU al Senato Loredana De Petris.

“È difficile immaginare una candidatura più contraria a questo necessario spirito unitario di quella di Silvio Berlusconi ed è difficile pensare a un danno maggiore di quello che produrrebbe la sua eventuale elezione. È inutile e bugiardo ricordare le urgenze che aspettano il Paese e dunque il valore della stabilità se poi si mette in campo un candidato la cui elezione provocherebbe necessariamente la crisi di governo e l’avvio di una lunga fase di instabilità nel momento peggiore”, conclude la presidente De Petris.

Approfondisci

QUIRINALE – DE PETRIS (LeU): “LA CANDIDATURA DI BERLUSCONI È IRRICEVIBILE”

“La candidatura offerta dal vertice del centrodestra a Silvio Berlusconi è semplicemente irricevibile. Prima di tutto si tratterebbe di una candidatura di parte, priva di ogni tratto unitario proprio nel momento in cui il Paese ha bisogno della massima unità al di là delle divisioni politiche. Ma non c’è solo questo. La figura del presidente della Repubblica deve essere specchiata, di alto e indiscusso profilo morale. Non mi pare che Berlusconi possa vantare questi requisiti ed è fin troppo facile immaginare quale danno arrecherebbe una sua eventuale elezione all’immagine del nostro Paese in Europa e nel mondo”, afferma la capogruppo di LeU al Senato Loredana De Petris.

Approfondisci

QUIRINALE – RUOTOLO: “SI SCELGA UNA FIGURA CHE RAPPRESENTI AL MEGLIO LE QUALITA’ ISTITUZIONALI, MORALI, COSTITUZIONALI DI CUI LA REPUBBLICA HA BISOGNO”

“Il campo democratico deve costruire e avanzare una candidatura comune di alto profilo morale. Indicare una figura che rappresenti al meglio le qualità istituzionali, morali, costituzionali di cui la Repubblica ha bisogno ancora di più in un momento così delicato della storia del Paese e dell’Europa. È chiaro, se la destra propone come candidato Silvio Berlusconi non c’è possibilità di alcuna intesa”. Lo afferma in una nota il senatore Sandro Ruotolo del Gruppo Misto – Ecosolidali.

Approfondisci

DAVID SASSOLI – SEGRE: “SIA IL SUO RICORDO DI BENEDIZIONE E DI ESEMPIO”

“Conoscevo già Davide Sassoli da alcuni anni e lo rividi nel gennaio 2020, in occasione del suo invito a parlare al Parlamento Europeo. Ricordo il suo bel volto da attore timido, la sua accoglienza affettuosa, le lacrime che gli rigavano il viso mentre mi ascoltava. Abbiamo perduto un patriota europeo, un rappresentante dell’Italia migliore. Sia il suo ricordo di benedizione e di esempio”.

Approfondisci

SASSOLI – DE PETRIS (LEU): “CORDOGLIO PROFONDISSIMO E IMMENSO DOLORE PER LA SUA SCOMPARSA”

“Cordoglio profondissimo e immenso dolore per la scomparsa di David Sassoli, presidente del Parlamento europeo. Perdiamo tutti, ancora giovane, un giornalista superbo, un politico appassionato che ha fatto dell’europeismo la sua causa e la sua battaglia e una persona umanamente squisita. Molti, come me, perdono anche un caro amico. In questo momento di dolore ci stringiamo alla famiglia e a tutti i suoi cari”.
Lo ha dichiarato la capogruppo di LeU al Senato, Loredana De Petris.

Approfondisci

SCUOLA – DE PETRIS (LeU): “GIUSTA LA SCELTA DEL GOVERNO DI EVITARE LA DAD. ORA PERò SI DEVONO SANARE I GUASTI STRUTTURALI DELLA SCUOLA”

La scelta di tenere le scuole aperte, spiegata oggi dal presidente Draghi e dai ministri Bianchi e Speranza, è giusta. Tornare alla DAD vorrebbe dire accentuare ulteriormente le diseguaglianze sociali e geografiche già evidenziatesi nelle precedenti fasi della pandemia. Lasciare i giovani a casa senza chiudere tutto il resto sarebbe del resto inutile e la situazione non è tale da imporre una scelta così estrema. Sarebbe però fondamentale stanziare subito i fondi necessari per sanare i problemi endemici della scuola, come il sovraffollamento delle classi, la cui urgenza e gravità sono state messe impietosamente a nudo dalla pandemia”, afferma la capogruppo di LeU al Senato Loredana De Petris.

Più in generale i dati illustrati dal ministro Speranza dimostrano che la priorità assoluta è ancora estendere quanto più possibile la vaccinazione. La scelta di tenere aperti gli hub anche la notte va nella direzione giusta. Bisogna fare ogni sforzo perché la percentuale di popolazione non vaccinata diminuisca ancora. Altra via per impedire la saturazione degli ospedali e delle terapie intensive, con grave danno per tutti i malati e non solo quelli colpiti dal Covid, non c’è”.

Approfondisci

PRESIDENTE COMMISSIONE ECOMAFIE – RUOTOLO (MISTO-ECOSOLIDALI): “VIGNAROLI DEVE DIMETTERSI”

“Non solo spara col kalashnikov ma pubblica il video su Facebook. La questione è che l’autore del post è il presidente della Commissione Ecomafie, il deputato 5 stelle Stefano Vignaroli. Forse non lo sa ma le ecomafie hanno proprio contato sui kalashnikov per devastare i nostri territori. Il messaggio che lancia è devastante. In questo clima d’odio mancava solo lui. L’onorevole Vignaroli deve dimettersi da presidente e farebbe bene a cancellare il post”. Lo afferma in un post sui social il senatore Sandro Ruotolo del Gruppo Misto-Ecosolidali.

Approfondisci

GIORNATA NAZIONALE ANTIRACKET E ANTIUSURA – CUOMO (SOS IMPRESA): “UN’OCCASIONE PER RAFFORZARE LA PREVENZIONE E IL CONTRASTO ALL’INFILTRAZIONE MAFIOSA NEL SISTEMA DELLE IMPRESE”

“Sosteniamo la proposta di istituire il 10 gennaio la giornata nazionale contro il racket e l’usura nel nostro Paese avanzata da Lino Busà, responsabile nazionale del ‘Centro Studi TEMI per la Legalità’, organismo dell’associazione Sos Impresa-Rete per la Legalità Aps. Il 10 gennaio del 1991 compare sul ‘Giornale di Sicilia’, la ‘Lettera al caro estorsore’ nella quale l’imprenditore palermitano Libero Grassi, rivolgendosi a chi gli chiedeva il pizzo dichiarava ‘io non vi pago’. L’opportunità di istituire una giornata nazionale contro il racket e l’usura nel nostro Paese è un tema sul quale la nostra organizzazione nazionale sta ragionando da tempo”. Lo afferma in una nota Luigi Cuomo, presidente nazionale di Sos Impresa Rete per la Legalità Aps che ricorda come l’omicidio di Libero Grassi sia stato il germoglio della nascita del movimento antiracket che oggi compie 30 anni. “Nel 1992 nascono le prime esperienze di SOS IMPRESA, in Sicilia, a Roma, a Torino, Bari, Genova, Milano e Napoli,  da quella stagione e da quel patrimonio di esperienze abbiamo nel tempo contribuito a migliorare le strategie di prevenzione e contrasto al racket e all’usura in tutt’Italia. Un lavoro quotidiano, rigoroso e attento che si fonda su un sistema associativo antiracket e antiusura più moderno, connesso e sinergico con le istituzioni e con la partecipazione delle vittime. L’istituzione di una giornata nazionale contro il racket e l’usura nel nostro Paese in coincidenza con la data del 10 gennaio di ogni anno consentirebbe un importante sostegno alla lotta alle mafie che, attraverso il racket e l’usura, consolidano il loro potere nel sistema economico nazionale nella quasi indifferenza dell’opinione pubblica. Oltre ad avere, inoltre, uno straordinario valore simbolico, di memoria e di rafforzamento delle iniziative di prevenzione e contrasto, potrebbe sancire un importante salto di qualità dell’intera comunità nazionale verso una consapevolezza responsabile ed attiva perché questi due crimini riguardano tutti e non solo quelli che hanno la disavventura di subirli”.

Approfondisci

ENERGIA – DE PETRIS (LeU): “CARO SALVINI, NON POSSIAMO SPRECARE TEMPO E SOLDI COL NUCLEARE”

“Ancora Salvini insiste sul nucleare! Caro Salvini, il problema è proprio che non ci possiamo permettere di sprecare tempo e denaro sul nucleare distogliendo fondi ed energie dagli investimenti sulle fonti rinnovabili che sono pulite, tecnologicamente mature, sicure e più economiche. La conseguenza sarebbe mancare l’obiettivo della neutralità climatica entro il 2050”, afferma la capogruppo di LeU al Senato Loredana De Petris.
“Quanto al gas è bene ricordare che si tratta comunque di una fonte fossile. Puntare sul gas significherebbe quindi protrarre all’infinito la nostra dipendenza energetica dalle turbolenze geopolitiche dei mercati esteri. La lezione dell’aumento dei prezzi evidentemente non ha insegnato nulla a Salvini e agli altri cultori nostrani del gas”.

Approfondisci