All Posts in Category: Notizie

ELEZIONI – RUOTOLO: “PATRIARCA È IMPRESENTABILE”

“In questa campagna elettorale la mia avversaria è Annarita Patriarca e il suo partito di riferimento, Forza Italia, non avrebbe dovuto candidarla”. Lo ha detto il senatore Sandro Ruotolo che corre alla Camera nel collegio uninominale di Torre del Greco, in uno degli incontri di oggi a Castellammare di Stabia. “È impresentabile non perché suo padre, l’ex senatore Francesco Patriarca, sia stato condannato a 9 anni di carcere per camorra, non perché suo marito, sindaco di San Cipriano d’Aversa, sia stato condannato per camorra, e neppure perché il suo testimone di nozze Nicola Cosentino, ex sottosegretario di Forza Italia, anche lui sia stato condannato per camorra. Il vero motivo per cui Annarita Patriarca è impresentabile è perché quando lei era sindaca di Gragnano, l’ente locale fu sciolto per camorra. Occorre voltare pagina e dare dignità e rappresentanza ai territori. Un buon politico fa buone leggi, un cattivo politico fa cattive leggi” conclude Ruotolo.

Approfondisci

PAOLA NUGNES – PRESENTAZIONE “ALICE, LA DEMOCRAZIA È IN PERICOLO IN TUTTO IL MONDO”

Lunedì 12 Settembre 2022, a Roma, presso la sala Capitolare in Piazza Minerva, alle ore 11.30, la senatrice Paola Nugnes presenterà il suo romanzo politico, “Alice, la democrazia è in pericolo in tutto il mondo” (Paguro edizioni), un racconto distopico, frutto di una lunga esperienza di attivismo e politica istituzionale, durata dieci anni e sei governi.

“Presenterò questo evento insieme a tre compagni di viaggio che sono stati fondamentali in questa avventura, e soprattutto indimenticabili, nei passaggi più difficili, la senatrice Elena Fattori, il senatore Gregorio de Falco e l’avvocato Lorenzo Borrè”, annuncia Nugnes.
“Si tratta di un racconto che parte dai primi anni del 2000 e si spinge fino ad immaginare un futuro possibile nel 2050. La riflessione che vi propongo è politica, ma è anche sentimentale ed emotiva. Si tratta di un libro che parla di ideali e di speranze e racconta romanzandoli, gli ultimi decenni della nostra storia comune, immaginando il futuro, attraverso gli occhi e l’esperienza di una giovane donna che quegli anni cavalca tumultuosamente lasciandosi travolgere dal sogno per ritrovarsi poi in un incubo, da cui sarà difficile uscire”.
La senatrice Fattori aggiunge: “Avete mai avuto l’impressione di essere in una bolla ove tutto rimane sempre com’è nonostante i proclami politici di una nuova era? Di nuotare in una boccia per pesci anziché in mare aperto ove dovunque tenti di andare sbatti sul vetro perché in realtà il vero mondo è fuori? Il racconto di chi ha vissuto 10 anni dove si costruisce la narrazione non vi darà risposte ma degli elementi per pensare“ conclude.

“Si è trattato di raccontare di come la nostra “democrazia” sia in effettivo pericolo, da quando a poco a poco sono state smantellate le strutture costituzionali di garanzia nella divisione dei poteri, del Governo, del Parlamento, della Magistratura e dell’informazione, che sono i pilastri della democrazia e del pluralismo nell’alternanza del pensiero politico, venendo meno, quindi, il controllo critico di ogni parte sulle altre. Di come questa divisione sia venuta meno a poco a poco e poi definitivamente e di come i quattro poteri si siano fusi in un unico potere che si è IMPOSTO al fine come pensiero UNICO.
Della rete e dei nuovi strumenti di partecipazione che credevamo la nuova Rivoluzione e che si sono rivelati invece strumenti estremamente pericolosi perché duttili alla propaganda, alla mistificazione del reale e alla creazione e al controllo del consenso, fino all’emarginazione e all’espulsione, di fatto, del pensiero divergente”.

L’avvocato Lorenzo Borrè interviene a questo punto con una riflessione filosofica sulla ricerca del bene che a volte può scatenare pericolosi deliri: “La certezza di rappresentare il Bene” dice “ innesca inevitabilmente dinamiche totalitarie che sono sottovalutate finché c’è assonanza nel sodalizio, ma venuta meno la coralità, il soggetto dissonante, cui la massa fanatica non riconosce neanche il diritto al dubbio, può ritrovarsi in un autentico incubo.”

“E di fatti”, aggiunge l’autrice concludendo, “le cose non andranno come sperato. In questo romanzo che è anche la storia emotiva e sentimentale di una generazione che ha creduto di poter recidere radici per volare più alto e che si è ritrovata invece a vagare nell’etere come palloncini senza filo, la Rivoluzione verrà, ma non sarà né come ce l’eravamo immaginata, né come ce l’eravamo augurata”.

La stampa deve accreditarsi scrivendo a: daniela.gianciotta@gmail.com

Le richieste di accredito devono necessariamente contenere: i dati anagrafici (nominativo, luogo e data di nascita); il recapito telefonico; gli estremi della tessera dell’Ordine dei giornalisti, ovvero gli estremi del documento di identità per gli altri operatori dell’informazione; l’indicazione della testata di riferimento.

Approfondisci

ENERGIA – DE PETRIS (PRESIDENTE GRUPPO MISTO SENATO): “IL PIANO CINGOLANI È POCO UTILE. SERVONO UN PIANO ECCEZIONALE E UN COMMISSARIO PER IL PASSAGGIO ALLE RINNOVABILI”

“Il piano del ministro Cingolani è del tutto insufficiente per fronteggiare la crisi energetica. È come pretendere di curare una malattia grave con l’aspirina, bisogna prendere decisioni ben più drastiche”, afferma la capogruppo di LeU al Senato Loredana De Petris.

“Prima di tutto bisogna intervenire decisamente sulla formazione del prezzo dell’energia e sulle dinamiche del mercato di Amsterdam, perché all’origine di questa crisi c’è la speculazione consentita proprio da quelle regole. Allo stesso tempo bisogna varare un piano urgentissimo per accelerare al massimo il passaggio alle rinnovabili. Puntare tutto sul gas liquido americano e sui rigassificatori, serve solo ad arricchire i fornitori di gas americano e a evitare ancora una volta di imboccare la sola via percorribile, quella delle fonti di energia rinnovabili. Avevamo proposto da tempo un piano eccezionale e la nomina di un commissario. Se fosse stato fatto oggi non ci troveremmo in queste condizioni, come dimostra la situazione molo migliore della nostra di Spagna e Portogallo, che si sono mosse con una rapidità e una determinazione di cui da noi ancora purtroppo non si vede traccia”.

Approfondisci

CORI RAZZISTI – DE GIOVANNI E RUOTOLO: “UNA CERTA POLITICA NON PRENDE LE DISTANZE MA CAVALCA LE DISCRIMINAZIONI”

“Non è cos ‘e nient. È come se fosse diventata una parola d’ordine negli stadi di mezz’Italia. Anche quando la squadra avversaria non è il Napoli partono i cori razzisti contro i napoletani. Non è goliardia, non sono sfottò. È il sintomo di una malattia che c’è nel Paese e la politica, una certa politica, invece di prenderne le distanze, la cavalca. Non sono sufficienti le multe per discriminazione territoriale. Non sono solo tifosi isolati che quando vengono identificati vanno cacciati a vita dagli stadi. Dobbiamo chiedere alle società di realizzare una campagna di prevenzione. Ma se i cori si dovessero ripetere bisognerà procedere anche alla penalizzazione in classifica. A furia di dire è cos ‘e nient rischiamo di diventare niente”. Lo affermano in una nota lo scrittore Maurizio De Giovanni e il senatore Sandro Ruotolo commentando ciò che è avvenuto ieri negli stadi.

Approfondisci

GORBACEV – DE PETRIS (LeU): “LEADER DI GRANDE SPESSORE E CORAGGIO NON AIUTATO ABBASTANZA DALL’OCCIDENTE”

“Ricordo Michail Gorbacev nella sua visita al Campidoglio del 1990, un leader molto apprezzato all’estero ma impopolare nella sua Unione Sovietica strangolata allora da una tremenda crisi economica. È stato una figura di grandissimo spessore storico e di enorme coraggio, con cui sia la sua Russia che l’occidente sono stati ben poco generosi. Pochi leader hanno fatto altrettanto per la pace, la distensione internazionale, la fine della guerra fredda e anche dopo l’uscita dalla grande scena pubblica la sua fondazione ha continuato a battersi strenuamente per la pace e per l’ambiente. L’Occidente e l’Europa in particolare non lo hanno aiutato come sarebbe stato necessario per vincere la difficilissima battaglia che mirava a fare del suo Paese una democrazia moderna. È anche grazie a questo mancato sostegno che la Russia ha preso la piega che ha portato alla dittatura di Putin”, afferma la capogruppo di LeU al Senato Loredana De Petris.

Approfondisci

PAOLA NUGNES – PRESENTAZIONE DEL LIBRO “ALICE. LA DEMOCRAZIA È IN PERICOLO IN TUTTO IL MONDO”

Lunedì, 12 Settembre p.v. alle ore 11,30, presso la Sala Capitolare — il Chiostro del Convento di Santa Maria sopra Minerva, Piazza della Minerva, 38, Roma, la Senatrice Paola Nugnes presenterà il suo romanzo dal titolo: “ALICE. La democrazia è in pericolo in tutto mondo”, edito da Paguro Edizioni.
«In un futuribile prossimo venturo 2050, Alice, scrittrice ed ex responsabile della comunicazione di quello che fu un tempo il “Partito del Popolo”, accetta finalmente di farsi intervistare da una giovane giornalista, alla quale decide — forse d’istinto — di raccontare tutto, o quasi, della propria vita politica e privata in quei turbolenti anni dei primi decenni del 2000».
Alla presentazione, moderata dall’avvocato Lorenzo Borrè insieme all’autrice Paola Nugnes, partecipano la Senatrice Elena Fattori, il Senatore Gregorio De Falco e l’editore Michele Citro.
I lavori del convegno saranno trasmessi in diretta streaming al link https://webtv.senato.it e sul canale YouTube del Senato Italiano https://www.youtube.com/user/SenatoItaliano.

Approfondisci

CARO BOLLETTE – DARE RISPOSTE IMMEDIATE

Occorre dare risposte immediate e non più rinviabili alle piccole e medie imprese artigianali, alle aziende conserviere e al settore del commercio sul caro energia che specialmente in Campania contribuiscono in modo fondamentale alla ricchezza della nostra regione. Ci troviamo di fronte a uno tsunami, come denunciano i rappresentanti di categoria, con aumenti delle bollette del gas e della luce che, in questo mese di agosto, sono aumentate del 300 e del 500 per cento. Gli effetti potrebbero essere disastrosi, non solo mettendo a rischio la stessa sopravvivenza delle attività economiche con l’ulteriore perdita di posti di lavoro ma creando ripercussioni drammatiche sui consumatori e in particolare sulle famiglie già colpite dal caro vita dovuto all’aumento dell’inflazione che al Sud è più alto del resto d’Italia. Bisogna subito mitigare gli aumenti raffreddandoli con provvedimenti urgenti come la riduzione dell’Iva e delle bollette per famiglie a reddito medio basso e per le imprese con sostegni economici per tutelare la produzione di beni primari come la pasta e il pane già gravate anche dal considerevole aumento della farina dovuto principalmente al conflitto ucraino. Questa emergenza ci sollecita ad accelerare la transizione ecologica e lavorare per cambiare il modello energetico del Paese, argomenti che devono entrare stabilmente nell’agenda dei partiti, della politica e del governo.

Approfondisci

ACCETTATA LA CANDIDATURA – RUOTOLO: “È UN ONORE E SENTO ADDOSSO TUTTA LA RESPONSABILITA’ DI GUIDARE IL CAMPO DEMOCRATICO E PROGRESSISTA NEL COLLEGIO UNINOMINALE DI TORRE DEL GRECO ALLA CAMERA DEI DEPUTATI”

“È un onore e sento addosso tutta la responsabilità di guidare la coalizione del campo democratico e progressista nel collegio uninominale di Torre del Greco alla Camera dei deputati. È una sfida che ho accettato perché non si può restare indifferenti. La posta in gioco è la nostra democrazia. L’avversario da battere è la destra sovranista rappresentata da Giorgia Meloni che vuole il presidenzialismo e l’autonomia differenziata, che non crede negli effetti devastanti dei cambiamenti climatici e nella riconversione ecologica della nostra economia. Voglio rappresentare in Parlamento la mia terra, liberarla dall’oppressione della camorra che si riproduce perché si relaziona con i poteri economici, finanziari e politici e che toglie i diritti ai cittadini. Il diritto al lavoro, innanzitutto. Darò voce a chi voce non ha, mi batterò per ridurre le diseguaglianze. Anche i nostri figli e i figli dei nostri figli hanno diritto a sognare il loro futuro. Non è giusto che un bambino che nasce al Sud abbia il doppio delle probabilità di morire nel primo anno di vita rispetto ad uno nato al Nord”. Lo scrive in un post il senatore Sandro Ruotolo dopo aver accettato la candidatura alla Camera dei deputati nel collegio uninominale Campania 1 – U07 Città metropolitana di Napoli.

Approfondisci

ELEZIONI – DE PETRIS (LeU): “LA VERITA’ È CHE AL 5S NON SI PERDONA L’AVER EVOCATO LO STOP ALLE ARMI PER L’UCRAINA. PER QUESTO LETTA CONSEGNA IL PAESE ALLA DESTRA”

“Dopo il disastro di ieri, che rende possibile la conquista di due terzi del Parlamento da parte della destra, è ora di dirsi la verità e chiedersi perché il Pd abbia deciso di consegnare l’Italia a una destra molto pericolosa”, afferma la capogruppo di LeU al Senato Loredana De Petris.
“Letta aveva solo due opzioni: quella di una coalizione di centrosinistra basata su anni di lavoro comune oppure quella di un Cln con tutti dentro per fermare la destra. Non ha scelto nessuna delle due ma un pastrocchio con dentro un po’ di entrambe, che non aveva alcuna credibilità e infatti non ha resistito neppure 24 ore. Sia per dar vita a una coalizione che per costituire un fronte repubblicano contro la destra Letta avrebbe dovuto riprendere il dialogo con i M5S. Non è credibile che in una situazione così grave non lo abbia fatto per i motivi addotti: perché mai l’essersi allontanati dall’aula nel voto su un emendamento pirata voluto dal Pd dovrebbe precludere un’alleanza elettorale come quella con SI? È dunque inevitabile il sospetto che quel che non si può perdonare a Conte, in Italia e fuori dall’Italia, sia l’aver evocato la possibilità di non inviare altre armi all’Ucraina. Se così fosse la responsabilità che Letta si sta assumendo risulterebbe ancora più pesante”, conclude la capogruppo di LeU.

Approfondisci