All Posts Tagged: Pd

ELEZIONI – DE PETRIS (LeU): “SI PROFILA UN DISASTRO. IL PD SAREBBE ANCORA IN TEMPO PER EVITARLO”

“Vorrei che tutti si rendessero conto che si sta profilando un vero e proprio disastro elettorale che porterà la destra a dilagare nei collegi. Comunque vada a finire la sceneggiata fra Letta e Calenda è evidente che una coalizione priva di qualsiasi cemento progettuale comune non può che essere perdente”, afferma la capogruppo di LeU al Senato Loredana De Petris.

“È ancora possibile evitare il disastro. Letta e il Pd sarebbero in tempo per rinsavire e ridare vita a quella coalizione di centrosinistra alla quale avevamo lavorato per tre anni e che sarebbe in grado oggi di offrire agli elettori una vera alternativa solida e non appiccicaticcia alla destra”, conclude la presidente De Petris.

Approfondisci

ELEZIONI – DE PETRIS (LeU): “RINUNCIARE ALL’ALLEANZA COSTRUITA NEGLI ANNI CON IL M5S È UNA SCELTA SUICIDA DEL PD”

“La destra, dopo aver litigato per quattro anni ed essersi divisa sulla fiducia a due governi, si presenterà unita alle elezioni. Il centrosinistra, dopo aver lavorato per tre anni alla costruzione di un’alleanza di programma e progetto in grado di competere per la guida del Paese, sceglie di buttarla alle ortiche in poche ore senza che neppure ci sia stata una vera divisione sul voto di fiducia. Ci sarebbe da ridere se non ci fosse da piangere: la scelta del Pd è semplicemente un suicidio politico, come i sondaggi attestano”, afferma la capogruppo di LeU al Senato Loredana De Petris.

“Temo che gli occhi di tigre di Letta non spaventino una destra che è già forte di suo e può contare sulla complicità del Pd per essere certa di vincere le elezioni. Trattandosi di una destra reazionaria, liberista e illiberale, xenofoba e nemica dei diritti il danno che rischia di essere fatto al Paese e alle fasce di popolazione più deboli è enorme. Ci sarebbe ancora tempo per fermarsi sull’orlo del burrone, mettere in campo quell’alleanza di centrosinistra con il M5S che avevamo costruito con pazienza e intelligenza politica giorno dopo giorno, sconfiggere nelle urne la destra di Meloni e Salvini. Ma sembra che il Pd sia invece deciso a sacrificare l’unica possibilità di uscire vincenti dalle prossime elezioni”, conclude la presidente De Petris.

Approfondisci

ELEZIONI – DE PETRIS (LeU): “ASSURDO SACRIFICARE L’ALLEANZA PROGRESSISTA CON IL M5S. SIGNIFICA REGALARE IL PAESE ALLA PEGGIOR DESTRA”

 

“Perché il Pd vuol regalare le elezioni e il governo del Paese alla peggior destra? Quale intelligenza politica c’è nel buttare a mare tre anni di paziente lavoro per costruire un programma progressista comune con il M5S, che non ha affatto sfiduciato il governo Draghi come recita la vulgata? Solo una vera alleanza progressista può fermare la destra ed è assurdo sacrificarla per il dissenso provocato da un singolo articolo sul quale è stato un errore porre la fiducia”, afferma la capogruppo di LeU al Senato Loredana De Petris.

“Agli elettori bisogna saper offrire un progetto che certamente preveda il completamento del lavoro del governo Draghi ma che altrettanto certamente non può limitarsi a questo. Bisogna mettere in campo un programma che metta al primo posto la riconversione ecologica e la lotta strenua contro le diseguaglianze sociali, cioè le vere emergenze assolute dell’Italia. È per costruire questo progetto e questo programma comuni che abbiamo lavorato con pazienza e determinazione in questi anni. Sarebbe oggi necessario sottoporre quel programma e quel progetto al verdetto degli elettori. La vittoria della destra non è affatto scontata. Purché non si faccia il possibile per renderla tale”, conclude la capogruppo di LeU.

 

Approfondisci

SALARIO MINIMO – DE PETRIS (LeU): “DRAMMATICI DATI INPS DIMOSTRANO CHE NON È LA BANDIERA DI QUALCHE PARTITO MA UN’ESIGENZA ASSOLUTA DEL PAESE”

“I dati del rapporto Inps sono raggelanti e confermano, se mai ce ne fosse stato bisogno, che in Italia esiste un problema salariale enorme che va affrontato ora. Un quarto dei lavoratori prende meno di 9 euro lordi all’ora: deve quindi vivere con meno di 780 euro al mese. È un dramma per il presente e lo è anche per il futuro perché questa situazione inciderà sulle pensioni future. Oggi il 32% dei pensionati percepisce meno di 1000 euro al mese ma il quadro è destinato a peggiorare molto. È assurdo e sconcertante che, in queste condizioni, il salario minimo venga fatto passare per una bandiera identitaria del M5S invece che come una esigenza assoluta imposta dalla realtà”, afferma la capogruppo di LeU al Senato Loredana De Petris.

“Dovrebbe essere l’intero campo progressista, con il Pd in prima fila, a reclamare con massima forza il salario minimo, invece di fingere che si tratti di un braccio di ferro politicista tra il governo e una parte della maggioranza”, conclude la presidente De Petris.

Approfondisci

QUIRINALE – DE PETRIS (LeU): “NESSUNA PRELAZIONE DEL CENTRODESTRA. L’ELEZIONE DI BERLUSCONI IMPLICHEREBBE CRISI E INSTABILITA'”

“Il segretario del Pd Letta ha ragione: la destra non può vantare alcun diritto di prelazione sull’indicazione del prossimo capo dello Stato. Non è questo il metodo che va usato per fare l’interesse del Paese e dare all’Italia ciò di cui ha bisogno in questo momento: un presidente della Repubblica che sia davvero di tutti e sappia garantire tutti”, afferma la capogruppo di LeU al Senato Loredana De Petris.

“È difficile immaginare una candidatura più contraria a questo necessario spirito unitario di quella di Silvio Berlusconi ed è difficile pensare a un danno maggiore di quello che produrrebbe la sua eventuale elezione. È inutile e bugiardo ricordare le urgenze che aspettano il Paese e dunque il valore della stabilità se poi si mette in campo un candidato la cui elezione provocherebbe necessariamente la crisi di governo e l’avvio di una lunga fase di instabilità nel momento peggiore”, conclude la presidente De Petris.

Approfondisci

SINISTRA – ECOLOGISTI SI: “IL PERCORSO SI È ESAURITO. ORA SI DEVE INVESTIRE SUL CAMPO LARGO”

Con una lettera pubblicata oggi dal “manifesto”, Paolo Cento, dirigente di Sinistra italiana, dichiara “esaurito il percorso di Si, che appare inadeguato alla sfida di costruzione di un soggetto radicale unitario, ecologista e di sinistra”.

Nella lettera, che riflette le posizioni di altri dirigenti o ex dirigenti di Si come la presidente del gruppo Misto del Senato Loredana De Petris, che insieme al senatore Francesco Laforgia e al deputato Luca Pastorino ha dato vita alla piattaforma di discussione “Italia Verde e Giusta”, Cento indica invece la necessità di “investire su un campo largo, plurale, democratico e progressista” a partire dalle esperienze di una nuova generazione di ecologisti con ruoli di rilievo nelle amministrazioni locali come Elly Schlein e Amedeo Ciaccheri. Vengono poi salutate come positive e importanti sia l’adesione del sindaco di Milano Sala alla Carta dei valori dei Verdi europei sia la scelta di appartenenza al fronte progressista di Giuseppe Conte e del M5S. Per Cento: “È evidente che il Pd da solo non ce la fa e anche nella prospettiva di un accordo con il M5S rimane aperto un vasto spazio. Sono convinto che tornare in campo aperto, considerando esauriti i percorsi delle frammentate forze della sinistra e degli ecologisti, possa darci ancora una volta una possibilità”.

Approfondisci

CACCIA – DE PETRIS (LEU): “BOCCIATO L’EMENDAMENTO A TUTELA DEGLI ANIMALI CHE FUGGONO DAGLI INCENDI. I SOLITI DIFENDONO GLI INTERESSI DI POCHI”

“È vergognoso che oggi, in commissione Ambiente, durante l’esame del decreto Incendi, sia stato bocciato l’emendamento volto a sospendere la caccia in caso di incendi come quelli che hanno flagellato il nostro Paese durante l’ultima estate. Emendamento che peraltro si limitava a intervenire solo nei Comuni interessati dagli eventi e in quelli limitrofi”.
Lo dichiara la capogruppo di Leu-Ecosolidali, Loredana De Petris, prima firmataria dell’emendamento, insieme al Senatore Maurizio Buccarella (Leu Ecosolidali), le senatrici Paola Nugnes e Virginia La Mura del Gruppo Misto e i senatori dei 5S che hanno votato a favore, mentre hanno espresso voto contrario tutto il Centrodestra, le Autonomie e Italia Viva. Astenuti i senatori del Pd.
“È grave che sia stato respinto, dopo quello che è accaduto questa estate, con più di 140 mila ettari andati a fuoco e 15 milioni di animali periti tra le fiamme. Come al solito, il Centrodestra con le Autonomie e Italia Viva si sono ricompattati contro gli animali, bocciando l’emendamento e addirittura anche l’ordine del giorno dimostrando così, ancora una volta, tutta la loro inaffidabilità. La sospensione è indispensabile per consentire agli animali, costretti a fuggire dalle fiamme di trovare protezione ed evitare che siano di nuovo sottoposti alla pressione dei cacciatori e poter quindi permettere la ricostituzione della fauna. Ancora una volta anche di fronte a tragedie gravi come quella degli incendi di questa estate, la lobby dei cacciatori ha avuto la meglio sugli interessi dell’ambiente, della biodiversità e degli animali”.

Approfondisci

AMMINISTRATIVE – DE PETRIS (LeU): “GLI ELETTORI PREMIANO IL CENTROSINISTRA CON IL M5S. È QUELLA LA STRADA DA SEGUIRE GIA’ DAI BALLOTTAGGI”

“I risultati del primo turno delle amministrative sono chiari. A Bologna e Napoli viene premiato l’accordo con i 5S per la costruzione di un nuovo centrosinistra. È un segnale decisivo che ci lanciano gli elettori e che va colto subito, già nei ballottaggi. A Roma e Torino bisogna arrivare a intese con il M5S di Conte non solo per conquistare amministrazioni molto importanti tra cui quella della Capitale ma anche per sancire quella scelta strategica, maturata nei mesi di lavoro comune nel governo Conte 2, che gli elettori vogliono, chiedono e premiano”, afferma la capogruppo di LeU al Senato Loredana De Petris.

“A Milano è stato invece premiato, con un risultato eclatante, con una vittoria già al primo turno, il buon governo, la decisione di puntare sull’interesse dei cittadini invece che sulla demagogia e il populismo. Se sapremo seguire queste indicazioni, offrendo agli elettori una coalizione di centrosinistra cementata dalla scelta di mettere il buon governo e l’interesse delle persone al primo posto, riusciremo a battere una destra che sa solo fare demagogia e propaganda spiccia nelle elezioni politiche. Ma riusciremo anche a riavvicinare alla politica i troppi che, con l’astensione, hanno manifestato sfiducia e chiesto anche loro un cambiamento radicale della politica in Italia”, conclude la presidente De Petris.

Approfondisci

CRONISTI INTERCETTATI – RUOTOLO, CERNO, DI NICOLA: “CARTABIA NE RISPONDA”

“È una vicenda grave raccogliamo l’allarme lanciato dalla Federazione nazionale della stampa e dall’Ordine nazionale dei giornalisti affinché si faccia chiarezza. Siamo di fronte allo sfregio del segreto professionale, della violazione della libertà di stampa garantita costituzionalmente. Chiediamo al Ministro di sapere quali iniziative intenda assumere al fine di acquisire ulteriori elementi su quanto accaduto; se intenda adottare iniziative per tutelare adeguatamente il lavoro dei giornalisti, la loro libertà inviolabile nell’esercizio della professione e alla luce degli elementi evidenziati come pensa di agire per impedire la compromissione delle fonti giornalistiche tutelate dal segreto professionale, qualora possano essere divulgate compromettendo il rapporto fiduciario alla base dell’attività giornalistica, supremo diritto costituzionale da tutelare nell’interesse dei cittadini”, affermano in una nota Sandro Ruotolo (Gruppo Misto), Tommaso Cerno (Pd), Primo Di Nicola (Movimento 5 Stelle).

Approfondisci

SENATO – DE PETRIS (LeU): “AUGURI E COMPLIMENTI A SIMONA MALPEZZI. GRAZIE A MARCUCCI PER L’OTTIMO LAVORO SVOLTO INSIEME”

“Porgo i migliori auguri alla nuova presidente dei senatori del Pd Simona Malpezzi e i miei complimenti per la sua elezioni all’unanimità, certa che lavoreremo insieme nel modo più proficuo e utile per il Paese e per l’alleanza progressista”, dichiara la capogruppo di LeU al Senato Loredana De Petris.

“Voglio anche ringraziare il presidente uscente Andrea Marcucci per l’ottimo lavoro comune fatto in questi anni e per la lealtà con la quale ha sempre difeso l’unità e le ragioni dell’alleanza”, conclude la presidente De Petris.

Approfondisci