All Posts Tagged: Gruppo Misto

SEA WATCH – DE PETRIS (LeU): “STILLICIDIO A SCOPO DI PROPAGANDA. ITALIA ED EUROPA DEVONO TROVARE LA SOLUZIONE UNA VOLTA PER TUTTE”

“Come in un sinistro stillicidio le sceneggiate a scopo di bassa propaganda del ministro Salvini sulla pelle di esseri umani appena sfuggiti a una morte atroce si ripetono. C’è il rischio che finiscano per non fare più nemmeno notizia. Invece è davvero incredibile che dopo una strage come quella della settimana scorsa il governo italiano continui a preoccuparsi solo di impedire a 47 naufraghi raccolti dalla Sea Watch di trovare riparo sulla terraferma”, dichiara la senatrice di LeU Loredana De Petris, presidente del gruppo Misto.

“Questa situazione va risolta una volta per tutte con coraggio, ragionevolezza, umanità e rispetto per la vita. L’Italia e l’Europa, invece di usare i migranti come armi in una sfida a colpi di propaganda, devono mettere a punto subito una strategia comune ed efficace per far sì che il Mediterraneo smetta di essere il mare della morte e per garantire assistenza e riparo ai profughi”, conclude la presidente De Petris.

Approfondisci

TRIVELLE – DE PETRIS (LeU): “COMPROMESSO AL RIBASSO. NESSUNA MORATORIA SU PREOCEDIMENTI DI CONCESSIONI GIA’ IN ATTO”

“L’accordo sulle trivelle raggiunto dalla maggioranza è un classico compromesso al ribasso che lascia irrisolti i problemi principali”, dichiara la senatrice di LeU Loredana De Petris, presidente del gruppo Misto.

“Non si tratta di una vera moratoria, dal momento che non vengono sospesi i procedimenti per la concessione delle autorizzazioni alla coltivazione, cioè all’estrazione, già in corso. La sospensiva per il conferimento di nuovi permessi di prospezione e ricerca durerà per solo 18 mesi. Non viene inoltre proibita, come era auspicabile, l’uso della tecnica a ultrasuoni Airgun, le cui conseguenze sulla fauna marina sono devastanti. Gli stessi aumenti dei canoni annui per le concessioni sono stati portati da 35 a 25 volte quelli attuali, risibili e inconsistenti. Ancora una volta il M5S ha rinunciato a difendere le proprie posizioni e ha sacrificato le proprie battaglie agli imperativi della Lega, limitandosi a cercare di calmierarli”, conclude la senatrice di LeU.

Approfondisci

TRIVELLE – DE PETRIS (LeU): “SOLIDARIETA’ A MINISTRO COSTA CHE RESISTE A PREPOTENZA DELLA LEGA”

 

“Siamo solidali con il ministro Costa e credo che chiunque abbia a cuore l’ambiente non possa non sostenere la sua opposizione all’ennesima prepotenza della Lega. Siamo di fronte al tentativo sfrontato e brutale di costringere il ministro dell’Ambiente a firmare  sulle trivelle autorizzazioni e valutazioni di impatto ambientale in aperto contrasto con la realtà e con il suo vero parere”, afferma la senatrice di LeU Loredana De Petris, presidente del gruppo Misto.

“Il ministro Costa ha tutte le ragioni, in termini sia di forma che di sostanza, per opporsi a questo diktat. Speriamo che almeno stavolta l’ M5S non si pieghi ai voleri della Lega come è abituato a fare. E’ comunque il caso di segnalare che ormai i soci della maggioranza sono in contrasto su tutto tranne che su una politica dell’immigrazione che porta indietro di decenni la cultura e la civiltà di questo Paese”, conclude la presidente De Petris.

Approfondisci

DL SEMPLICIFAZIONE – DE BONIS, CUNIAL: “EMENDAMENTI XYLELLA ANTICOSTITUZIONALI, CONTRARI A LIBERTA’ PERSONALI E DIRITTI INVIOLABILI.”

 

Roma, 23 gen. – “Gli emendamenti inseriti nel Dl Semplificazioni per contrastare la cosiddetta emergenza Xylella intimando il carcere a chi non abbatte gli ulivi e prevedendo l’irrorazione coatta con pesticidi non solo sono incostituzionali e gravemente lesivi delle libertà personali ma rappresentano un gravissimo precedente per il nostro Paese e la nostra democrazia. Chi non ne capisce la pericolosità o è incredibilmente ottuso o è in malafede”. Ad affermarlo sono il Senatore del Gruppo Misto Saverio De Bonis e la parlamentare 5 Stelle Sara Cunial che inviano in allegato, alla stampa, il parere ufficiale del Professore Alberto Lucarelli, Ordinario di Diritto Costituzionale all’Università di Napoli Federico II e di Giuliano Balbi ordinario di Diritto Penale all’Università della Campania.

“Le eradicazioni non sono la soluzione, non hanno alcuna base scientifica, non le chiede l’Europa e l’unica funzione che hanno è lasciar spazio alla speculazione e all’accaparramento di quelle terre. Sempre più ricerche scientifiche dimostrano che con il ceppo di Xylella pugliese si può convivere, che ulivi infetti non sono destinati a disseccare, che ulivi disseccati possono tornare a vegetare con semplici ed economiche buone pratiche agricole. Il mese prossimo verranno esposti i risultati di alcune di queste ricerche all’Università di Lecce, altre sono già state presentate, anche in presenza della Regione Puglia che ne ha finanziate diverse ottenendo in breve tempo ottimi risultati ma a quanto pare le soluzioni a tutela del paesaggio, dell’economia locale e dell’olivicoltura pugliese in pochi le vogliono vedere. Così come si continua a ignorare che sulla questione sono aperte ben due indagini della Procura che sottolineano, se ancora ce ne fosse bisogno, quanto marcio ci sia sotto tutta questa storia” concludono i parlamentari.

Approfondisci

CARA CASTELNUOVO – DE PETRIS (LeU): “UN DISASTRO DA TUTTI I PUNTI DI VISTA IN CAMBIO DI UN PO’ DI PROPAGANDA SPICCIA”

“Quello che sta succedendo in queste ore al CARA di Castelnuovo di Porto, il secondo per dimensioni in tutta Italia, è una diretta conseguenza del decreto Salvini e un esempio eloquente dei guasti immensi che quel decreto provoca e provocherà”, dichiara la senatrice di LeU Loredana De Petris, presidente del gruppo Misto.

“Un centro che era un modello di integrazione viene smantellato senza ragione. Centocinquanta richiedenti asilo che lavoravano ed erano integrati nel territorio verranno sbattuti in giro per l’Italia. Altri centocinquanta, grazie all’ignobile sospensione della protezione umanitaria, finiranno senza fissa dimora grazie a una legge che produce illegalità e insicurezza. Decine di persone che lavoravano nel CARA perderanno il lavoro. Per la civiltà e l’umanità del nostro Paese è un ennesimo passo indietro. Un disastro da tutti i punti di vista, prodotto con freddo cinismo in cambio di un po’ di propaganda spiccia”, conclude la presidente De Petris.

Approfondisci

TAP – SEN. DE BONIS: “VALUTAZIONE IMPATTO AMBIENTALE VA RIAPERTA. INTERROGAZIONE SU INCOMPATIBILITA’ INGEGNER FALAPPA”

 

“Ho presentato un’interrogazione urgente ai ministri dell’Ambiente, dello Sviluppo economico e della Giustizia sulla situazione dell’ingegner Graziano Falappa, membro della commissione VIA per il gasdotto TAP. L’ingegner Falappa aveva in precedenza presentato autocertificazione, dichiarando di non trovarsi e di non essersi mai trovato in condizione di incompatibilità con l’incarico”, dichiara il senatore del gruppo Misto Saverio De Bonis.

“L’ingegner Falappa risulta rinviato a giudizio per omissione di atti d’ufficio nel procedimento penale sul depuratore di Trani e coinvolto nell’inchiesta Tirreno Power. Nello scorso dicembre è stata, d’altro canto, avviata un’inchiesta con 15 indagati per reati ambientali in seguito all’espianto di 445 ulivi in località Melendugno per far posto alla trincea del gasdotto, ipotizzando la dispersione di sostanze pericolose e venefiche come il cromo esavalente. Ho pertanto chiesto ai ministri competenti se intendano rimuovere l’ingegner Falappa dal suo incarico e se non ritengano opportuno e necessario riaprire la valutazione di impatto ambientale del TAP”, conclude il senatore De Bonis.

Approfondisci

MIGRANTI – DE PETRIS (LeU): “MAGGIORANZA USA SFRUTTAMENTO AFRICA COME STRUMENTO DI DISTRAZIONE DI MASSA. OPPORTUNO MINISTRO IN AULA”

 

“Il dramma dello sfruttamento dell’Africa, che spesso assume realmente forme neocoloniali, è un problema serissimo che va discusso e affrontato seriamente, non usato come espediente propagandistico”, afferma la senatrice di LeU Loredana De Petris, presidente del gruppo Misto.

“Un tema così importante viene invece adoperato dalla maggioranza come puro strumento di distrazione di massa. Per questo riteniamo assolutamente opportuno e necessario che il ministro Moavero si presenti di fronte all’aula del Senato per un’informativa in materia”, conclude la presidente De Petris.

Approfondisci

MIGRANTI – DE PETRIS (LeU): “SALVINI E DI MAIO GAREGGIANO IN CINISMO E DISUMANITA’. VERGOGNA D’ITALIA E D’EUROPA INCANCELLABILE”

 

“Di fronte a una tragedia immane come quella di ieri e nonostante l’ecatombe nel Mediterraneo rischi di ripetersi oggi, Salvini e Di Maio gareggiano in cinismo e disumanità. In Italia si sta perdendo anche l’ultimo briciolo di umanità” dichiara la senatrice di LeU Loredana De Petris, presidente del gruppo Misto.

“Non manca neppure chi, come il ministro Salvini, attribuisce la responsabilità di questa strage alle Ong che ‘invoglierebbero’ i migranti a partire. Sono menzogne oscene e infami. La colpa di aver fatto del Mediterraneo un cimitero è dei governi europei con il governo italiano in primissima fila. E’ di chi ha delegato alla Libia il compito di sbarazzarci dei migranti senza andare troppo per il sottile, pur sapendo perfettamente che questo si sarebbe tradotto in lager nella migliore delle ipotesi e in strage nella peggiore. La colpa indelebile di questa mattanza è di chi proibisce i soccorsi e dà molto più valore a uno 0,1% in più nei sondaggi che non alla vita di migliaia di esseri umani. La vergogna dell’Italia e dell’Europa non potrà essere cancellata”.

Approfondisci

MANOVRA – DE PETRIS (LeU): “FUORI LUOGO ATTEGGIAMENTI DI SUFFICIENZA, MA SI TRATTA DI MISURE MOLTO LIMITATE E DEL TUTTO INSUFFICIENTI”

“E’ del tutto fuori luogo guardare con sufficienza a misure che correggono parzialmente alcuni dei guasti della riforma Fornero e che attenuano, sia pur molto moderatamente, il disagio in cui si trovano vaste fasce della popolazione. Così come è fuori luogo il trionfalismo con il quale il governo contrabbanda per epocali e storiche le medesime misure, in realtà molto limitate e del tutto insufficienti”, commenta la senatrice di LeU Loredana De Petris, presidente del gruppo Misto.

“Il problema è che la manovra, purtroppo, neppure si pone vagamente l’obiettivo di una ripresa ecologicamente orientata, tale da garantire una crescita qualitativa e quantitativa capace di creare vera e stabile occupazione, affrontando così i problemi gravissimi del Paese e non limitandosi ad alleviare qualche sintomo. Altrettanto pericolose sono poi le clausole di salvaguardia, che minacciano nel prossimo futuro di rendere ancora più dura la situazione proprio di quella parte di popolazione più svantaggiata”.

Approfondisci

SCUOLA – DE PETRIS (LeU): “LE MODIFICHE ALL’ ESAME DI MATURITA’ VANNO POSTICIPATE DI UN ANNO”

 

“Il ministro dell’Istruzione ha svelato oggi le materie dell’esame di maturità, pubblicando l’elenco delle discipline affidate ai Commissari esterni. Ci sono importanti novità in merito sia alla prima che alla seconda prova scritta ma non mancano modifiche rilevanti anche per la prova orale”, sottolinea la senatrice di LeU Loredana De Petris, presidente del gruppo Misto, prima firmataria di un’interrogazione parlamentare che chiede al ministro dell’Istruzione di posticipare le modifiche dell’esame al prossimo anno scolastico.

“L’esame di maturità è un momento estremamente importante e delicato per gli studenti e non è chiaro perché il ministro voglia introdurre queste modifiche ad anno scolastico già inoltrato, non rispettando così né il lavoro svolto fino a oggi da insegnanti e studenti né i tempi propri della scuola. Anche sul terreno dell’alternanza scuola/lavoro, sulla quale abbiamo sempre espresso forti criticità ci si è mossi in maniera esageratamente burocratica, come se si trattasse solo di cambiarne il nome e ridurre le risorse senza intervenire sulla sostanza. Manca qualsiasi bilancio di questa esperienza. Capisco l’ansia di segnalare la propria esistenza da parte del ministro ma occorre un anno di più per dare tempo a insegnanti e studenti di prepararsi e organizzarsi in vista di questo ennesimo cambiamento”, conclude la presidente del gruppo Misto.

Approfondisci