All Posts Tagged: Report

GASPARRI – DE CRISTOFARO (AVS): “DOVEVA COMUNICARE L’INCARICO AL SENATO. SE NE OCCUPINO IL CONSIGLIO DI PRESIDENZA E LA GIUNTA ELEZIONI DEL SENATO”

“L’inchiesta di Report andata in onda ieri sera sul senatore Gasparri va obbligatoriamente approfondita. L’incarico di presidente di una società che si occupa di cybersicurezza come la Cyberealm non doveva essere nascosto al Senato. Gasparri deve spiegare, non può fare finta di nulla. Gasparri ha omesso al Senato la sua nomina. Una cosa grave. C’è il serio rischio che questa carica sia incompatibile con il ruolo di senatore. Di questa vicenda è necessario che se ne occupi il Consiglio di Presidenza del Senato e la Giunta per le elezioni.”

Lo afferma il capogruppo dell’Alleanza Verdi e Sinistra del senato Peppe De Cristofaro, presidente del gruppo Misto di Palazzo Madama.

Approfondisci

RAI – BONELLI E DE CRISTOFARO (AVS): “LA DESTRA USA LA VIGILANZA PER INTIMIDIRE RANUCCI E REPORT”

“Quanto avvenuto oggi in ufficio di presidenza della Commissione di Vigilanza Rai è gravissimo. La destra a maggioranza ha votato per convocare in commissione il conduttore della trasmissione Report, Sigfrido Ranucci, reo di aver fatto giornalismo d’inchiesta sull’eredità di Silvio Berlusconi. Una vera e propria intimidazione contro chi esercita la professione con la schiena dritta. Invece di pensare a come bloccare una delle poche trasmissioni d’inchiesta rimaste in Rai, la destra pensi all’emorragia di audience dovuta alle scelte sbagliate dell’Amministratore delegato e del direttore generale dell’azienda di servizio pubblico. Problemi di ascolti che non ha Report. Tele Meloni non piace agli italiani.”

Lo affermano Angelo Bonelli e Peppe De Cristofaro dell’Alleanza Verdi e Sinistra, componenti della Commissione di Vigilanza sulla Rai.

Approfondisci

SANTANCHÈ – DE CRISTOFARO (AVS): “ATTACCO VIOLENTO ALLA STAMPA IN STILE SUDAMERICANO. È INDAGATA, SI DEVE DIMETTERE”

“La Ministra del Turismo Santanchè ieri non ha risposto ai tanti interrogativi sulla sua vita imprenditoriale e ha preferito attaccare la stampa, in particolare Il Domani e Repubblica, colpevoli di aver reso pubblica la notizia della sua iscrizione nel registro degli indagati dalla Procura di Milano e Report che ha fatto esplodere il caso. Un attacco violentissimo contro gli organi di informazione e il giornalismo d’inchiesta, un’intimidazione in stile sudamericano. Ma la cosa grave è che la ministra ha mentito in Parlamento, ha preso in giro gli italiani. Non può rappresentare il Paese, si deve dimettere.”

Lo afferma il capogruppo dell’Alleanza Verdi e Sinistra Peppe De Cristofaro, presidente del gruppo Misto di Palazzo Madama.

Approfondisci

RAI – DE CRISTOFARO (AVS): “SENZA IL GIORNALISMO D’INCHIESTA VIENE MENO IL SERVIZIO PUBBLICO”

“Da notizie di stampa apprendiamo che nelle bozze in circolazione del prossimo contratto di servizio, documento che definirà gli impegni che la Rai sarà chiamata ad assolvere nei prossimi cinque anni, stipulato con il ministero delle Imprese e del Made in Italy, sarebbe stato cancellato ogni riferimento al giornalismo d’inchiesta, una delle missioni più importanti del servizio pubblico. Mentre sarebbero stati inseriti dal governo riferimenti al made in Italy, alla natalità e alla valorizzazione dei prodotti tipici. Questa sarebbe la nuova Rai a trazione meloniana. Una Rai che smette di indagare su quanto avviene nel paese e nel mondo. Una Rai che non adempie al suo ruolo di servizio pubblico.”

Lo afferma il capogruppo dell’Alleanza Verdi e Sinistra Peppe De Cristofaro, presidente del gruppo Misto del Senato, componente della commissione di Vigilanza Rai.

“La maggioranza non solo sta occupando tutto l’occupabile ma pensa, attraverso la più grande azienda di contenuti del paese, di proporre agli italiani una narrazione nazional-sovranista tutta incentrata sui valori della famiglia e della genitorialità a cui aggiungono quello della ‘natalità. Senza il giornalismo d’inchiesta e le trasmissioni Rai come Report oggi non sapremmo nulla di quello di cui è accusata la Ministra Santanché, solo per fare un esempio. La maggioranza di destra e la Presidente del Consiglio Meloni preferiscono una Rai asservita al potere di turno capace solo di passare veline utili alla propaganda invece di informare correttamente i cittadini italiani. La Rai non può essere derubricata ad azienda che promuove il Made in Italy in Italia e le eccellenze italiane.”

 

Approfondisci