All Posts Tagged: migranti

MIGRANTI – DE PETRIS (LEU): “I DECRETI SICUREZZA DEVONO ESSERE MODIFICATI PROFONDAMENTE, NON BASTA UN PO’ DI MAQUILLAGE”

 

“Non c’è più tempo da perdere: i Decreti Sicurezza devono essere modificati profondamente. Spero sia chiaro a tutti che non può trattarsi solo di un maquillage”.

Lo ha dichiarato la senatrice di LeU Loredana De Petris, presidente del gruppo Misto, che ha aggiunto:

“Le modifiche devono essere radicali, come radicali sono i danni che i decreti imposti da Salvini hanno prodotto e continuano a produrre. In particolare, è determinante che venga ripristinata la protezione umanitaria. Senza un intervento deciso centinaia di migliaia di persone resteranno in balia del lavoro nero e del caporalato e ad avvalersi della loro disperazione sarà solo la criminalità organizzata”.

Approfondisci

REGOLARIZZAZIONI – DE PETRIS (LeU): “E’ GRAVISSIMO E INACCETTABILE RIMETTERE IN DISCUSSIONE LA MEDIAZIONE RAGGIUNTA IERI NOTTE”

Sulle regolarizzazioni si era raggiunto nella notte un accordo che rappresentava già una mediazione con aspetti insoddisfacenti. Dai permessi per sei mesi restavano infatti esclusi gli ‘invisibili’, gli immigrati che non hanno mai avuto contratti di lavoro e permessi, quelli che costituiscono il vero cuore del problema. E’ gravissimo e inaccettabile che anche quella mediazione venga ora rimessa in discussione sulla base di calcoli che non hanno nulla a che vedere con quel che serve davvero a questo Paese”, afferma la senatrice di LeU Loredana De Petris, presidente del gruppo Misto.

Mi chiedo come chi nella maggioranza si oppone non si renda conto di quanto le mancate regolarizzazioni siano pericolose sui fronti della sanità, perché tenere sotto controllo il virus nelle tendopoli e nelle baraccopoli è letteralmente impossibile, e della criminalità, che ringrazierà per la massa di mano d’opera disperata che viene così offerta. Senza contare naturalmente i danni economici che si arrecherebbero a un’Italia già in condizioni molto difficili e quel che il più elementare senso di solidarietà umana dovrebbe imporre a tutti. Ma parlare di solidarietà e umanità è una cosa, fare prevalere questi sentimenti sui calcoli propagandistici tutt’altra”, conclude la presidente De Petris.

Approfondisci

MIGRANTI – DE PETRIS (LEU): “L’ASTENSIONE DEL M5S IN EUROPARLAMENTO SULLA MOZIONE PER I PORTI APERTI E’ INCOMPRENSIBILE E COMUNQUE GRAVE.”

 

“L’astensione del M5S in Europarlamento, che ha portato alla bocciatura della risoluzione sulle Ong per il soccorso in mare, è incomprensibile e comunque grave. Per chi salva vite umane i porti devono essere sempre aperti.”

Così commenta in un tweet il voto dell’europarlamento che ha bocciato la risoluzione a favore dei porti aperti per chi soccorre i migranti, la senatrice Loredana De Petris, presidente del gruppo Misto.
Approfondisci

MIGRANTI – DE PETRIS (LeU): “L’ESITO DELLA VICENDA OCEAN VIKING DIMOSTRA CHE CON DETERMINAZIONE, UMANITA’ E RAGIONEVOLEZZA LE SOLUZIONI SI TROVANO”

 

L’esito rapido e positivo della vicenda della Ocean Viking e la disponibilità della Germania ad accogliere il 25% dei rifugiati salvati di fronte alle coste italiane dimostrano che affrontando il problema con determinazione e con ragionevolezza, dialogando con l’Europa e con i Paesi della Ue con fermezza ma senza atteggiamenti inutilmente bellicosi, soluzioni si possono trovare facilmente”, dichiara la senatrice di LeU Loredana De Petris, presidente del gruppo Misto.

Abbiamo vissuto, nell’ultimo anno, in un clima di isteria montata a freddo per esigenze che erano puramente di propaganda. Non si è fatto così nessun vero passo avanti nell’affrontare con umanità e intelligenza il problema delle migrazioni e nell’ottenere dalla Ue la giusta condivisione degli oneri e della responsabilità. Si è solo seminato odio a spese dei più deboli e dei più sfortunati. Stiamo ora finalmente chiudendo uno dei capitoli peggiori per il nostro Paese”, conclude la presidente De Petris.

Approfondisci

MIGRANTI – DE PETRIS (LeU): “CONTRO I MIGRANTI RIDOTTI ALLO STREMO DELLA MAR JONIO VENDETTA DI SALVINI”

 

“E’ incredibile che ai 31 naufraghi della Mar Jonio non sia ancora consentito di sbarcare nonostante la situazione sia ormai evidentemente disperata.  Questo sadismo che perseguita esseri umani ridotti allo stremo suona come una feroce vendetta di Salvini. E’ necessario un intervento immediato per mettere fine a questa tortura che continua a coprire di vergogna il nostro Paese”, dichiara la senatrice di LeU Loredana De Petris, presidente del gruppo Misto.

Approfondisci

MIGRANTI – DE PETRIS (LEU): “ORA SALVINI CHIUDE I PORTI ANCHE ALLA GUARDIA COSTIERA ITALIANA. SIAMO ALL’ASSURDITA’ PURA”

“Ora siamo arrivati all’assurdità di un governo che chiude i porti anche alle navi della Guardia costiera italiana con 135 naufraghi a bordo e non solo di quelle delle Ong colpevoli di non lasciare che i profughi affoghino guardando dall’altra parte. Se non fosse una situazione drammatica che riguarda la sorte di decine di persone verrebbe da chiedersi se stiamo su ‘Scherzi a parte’ “, dichiara la senatrice di LeU Loredana De Petris.

“Temo che sia inutile sperare in un sussulto di dignità da parte degli alleati della Lega al governo. Se la sono già venduta tutta. Mi auguro però che siano le istituzioni italiane a impedire questo scempio che diventa di giorno in giorno più grave”, conclude la presidente De Petris.

Approfondisci

MIGRANTI – DE PETRIS E DE FALCO: “INTERROGATO SUL COME SI POSSANO CHIUDERE I PORTI ITALIANI A NAVI ITALIANE, SALVINI FA SCENA MUTA”

“Alla nostra interrogazione in merito a come si sia potuto applicare il dl Sicurezza bis a una nave come l’Alex, che batteva bandiera italiana, il ministro Salvini, come è sua abitudine, ha evitato di rispondere”, dichiarano la senatrice di LeU e presidente del gruppo Misto Loredana De Petris e il senatore del gruppo Misto Gregorio De Falco.

“Salvini ha chiesto e ottenuto solidarietà per le minacce ricevute. Ha allestito sui due piedi un comizio propagandistico. Ha stabilito, seguendo una bizzarra logica tutta sua, che non si deve considerare naufrago chi rischia di annegare su una imbarcazione alla deriva. Ha raccontato che le porte dell’Italia sono chiuse per chi vuole portarci la guerra in casa, e alludeva a donne incinte, uomini disperati in fuga dalla guerra e dalla fame, bambini: per Salvini sono un esercito che vuole portare la guerra in Italia. Ma sulla risposta alla nostra precisa domanda, sul come si possano chiudere i porti italiani a navi italiane, il ministro ha invece fatto scena muta”.

Approfondisci

MEDITERRANEA – DE PETRIS (LeU): “SITUAZIONE PERICOLOSA. VA RISOLTA IMMEDIATAMENTE SENZA PERDERE TEMPO IN BRACCI DI FERRO”

 

La situazione del veliero di Mediterranea Alex è critica e pericolosa. Stavolta ingaggiare un nuovo braccio di ferro sarebbe non solo irresponsabile ma criminale”, afferma la senatrice di LeU Loredana De Petris, presidente del gruppo Misto.

Si tratta di una barca a vela di 18 metri, non in grado di reggere a lungo un simile carico né di affrontare in queste condizioni la lunga navigazione sino a La Valletta. E’ indispensabile quindi che venga indicato immediatamente un porto sicuro e che siano messi a disposizione i mezzi per trasportare i naufraghi salvati da Mediterranea. A quel che risulta le navi maltesi che avrebbero dovuto svolgere questa missione non sono partite. Il governo italiano è impegnato nella solita sceneggiata propagandistica sulla pelle dei profughi e dell’equipaggio. Ma stavolta non si possono perdere settimane per soddisfare le esigenze di visibilità del ministro Salvini. La situazione deve essere risolta nelle prossime ore”, conclude la presidente De Petris.

Approfondisci

SEA WATCH – DE PETRIS (LeU): “GROTTESCO CHE SALVINI, DOPO ESSERSI SOTTRATTO VILMENTE ALLA GIUSTIZIA, CHIEDA PUNIZIONI ESEMPLARI PER CHI SALVA VITE UMANE”

“Capisco l’ira del ministro Salvini, le cui tesi vergognose sono state smentite dalla gip di Agrigento e ora anche dal pm che non convalida l’espulsione di Carola Rackete. Ma il ministro Salvini farà bene a capire che l’Italia è un Paese democratico, nel quale vige la separazione dei poteri. I suoi strilli contro la magistratura dimostrano solo quanto sia digiuno degli elementi basilari della democrazia così come è digiuno dei più elementari sentimenti di umanità e solidarietà. Che poi sia proprio lui, dopo essersi sottratto nel modo più vile alla giustizia, a chiedere la forca per chi si è reso colpevole di salvare vite umane è semplicemente grottesco”, afferma la senatrice di LeU Loredana De Petris, presidente del gruppo Misto.

“La tremenda strage di migranti in Libia vale purtroppo più di ogni parola a dimostrazione del fatto che la Libia è l’opposto esatto di un porto sicuro. E’ dunque molto grave prorogare una missione che equivale a una licenza di torturare e uccidere esseri umani indifesi e la non partecipazione al voto del Pd è una posizione pilatesca e ampiamente insufficiente. Dopo anni di imbarbarimento, del quale si è avvantaggiata solo la propaganda xenofoba e feroce della Lega, è ora che l’Italia cambi strada”, conclude la senatrice di LeU.

Approfondisci

SEA WATCH – DE PETRIS (LeU): “ITALIA ED EUROPA NON POSSONO RESTARE SORDE. I PROFUGHI DEVONO SBARCARE”

 

“Il ministro Salvini è rimasto sordo anche all’ultimo disperato appello dei profughi della Sea Watch, che sono ormai allo stremo delle forze e non possono restare oltre nella terribile situazione in cui li ha costretti il nostro governo. In questa situazione drammatica, non posso non capire i sentimenti che spingono il capitano della nave a voler forzare il blocco, in nome di una legge morale universale che tutti avremmo il dovere di rispettare per prima”, afferma la senatrice di LeU Loredana De Petris, presidente del gruppo Misto.

“Prima che la situazione diventi ancora più grave, voglio rivolgere un estremo appello all’intero governo affinché permetta a profughi che hanno già alle spalle terribili sofferenze di sbarcare e trovare un riparo. Non è possibile che l’Italia e l’intera Europa restino impassibili di fronte a questo dramma e continuino a giocare le loro partite sulla pelle di esseri umani che non hanno altra colpa se non quella di fuggire dalla guerra, dalle distruzioni e dalla miseria”.

Approfondisci