All Posts Tagged: Gruppo Misto

SALVA ROMA – DE PETRIS (LeU): “RAPPRESAGLIA DELLA LEGA BLOCCA OPERAZIONE GIUSTA E COLPISCE SOLO I CITTADINI DI ROMA”

“La guerra continua tra i soci della maggioranza miete vittime soprattutto tra i cittadini che con la loro faida non c’entrano niente. La rappresaglia della Lega, che vuole bloccare la norma Salva Roma per colpire i suoi alleati di governo e far cadere la giunta Raggi, minaccia di essere pagata solo dai cittadini della Capitale. E’ bene ricordare che il Salva Roma è semplicemente una giusta e necessaria operazione di ristrutturazione del debito pregresso e non comporta lo stanziamento di nuove risorse”, afferma la senatrice di LeU Loredana De Petris, presidente del gruppo Misto.

“Al di là delle polemiche con la giunta Raggi, la decisione della Lega di mettere Roma in una situazione insostenibile, bloccando un’operazione utile per tutti, appare inspiegabile. Nell’astio di Salvini contro la Capitale s’intravede l’eredità della vecchia Lega: un ‘amarcord’ di quel ‘Roma ladrona’ che la Lega, al di là della retorica patriottica, non ha evidentemente mai superato davvero”, conclude la presidente De Petris

Approfondisci

FAKE NEWS – SENATRICE A VITA LILIANA SEGRE SMENTISCE FALSE DICHIARAZIONI SUI SOCIAL A SUO NOME.

La senatrice a vita Liliana Segre denuncia la pubblicazione di comunicati e dichiarazioni false a suo nome sui social.

“Da mesi – afferma la senatrice Segre – è stato aperto a mio nome un falso profilo Twitter al quale se ne è aggiunto ora un secondo, altrettanto falso, su Facebook. Su questi profili mi sono state attribuite dichiarazioni e prese di posizione, spesso molto aggressive, che non corrispondono al mio pensiero. Ho tempestivamente denunciato la situazione alla Polizia postale che sta indagando. Mi auguro comunque che, anche prima della conclusione delle indagini, cessi questa diffusione di interventi falsi che smentisco categoricamente”.

Approfondisci

RAZZISMO – DE PETRIS (LeU): “SOLIDARIETA’ ALLA SENATRICE A VITA SEGRE INSULTATA DA PROFESSORE RAZZISTA. MINISTERO PRENDA SUBITO PROVVEDIMENTI”

 

“Numerosi genitori di studenti dell’Istituto alberghiero Barbarigo di Venezia hanno inviato nei giorni scorsi una lettera alla magistratura, alle forze dell’ordine e ai vertici scolastici chiedendo che si intervenga contro la propaganda fascista e razzista di un professore dell’Istituto stesso, Sebastiano Sartori, ex segretario regionale di Forza Nuova. In classe e sui social il professore esalta il fascismo e il razzismo, vilipende la Costituzione con termini irripetibili e in particolare ha postato frasi inaccettabili e gravissime contro la senatrice a vita Liliana Segre, sopravvissuta all’orrore di Auschwitz, scrivendo che “sta bene in un simpatico termovalorizzatore”. Alla senatrice Segre va tutta la solidarietà mia e dell’intero gruppo Misto del Senato, di cui fa parte”, denuncia la senatrice di LeU Loredana De Petris, presidente del gruppo Misto.

“Presenterò immediatamente un’interrogazione rivolta ai ministri degli Interni e dell’Istruzione per chiedere che vengano presi provvedimenti tempestivi per porre fine a questa vergogna. Non è neppure pensabile che si possa incitare al razzismo, all’antisemitismo e all’intolleranza, tanto più quando a farlo è un docente alle prese con ragazzi molto giovani ed esposti a una così nefasta influenza”, conclude la presidente De Petris.

Approfondisci

DEF – DE PETRIS (LEU): “DOCUMENTO FOTOGRAFA REALTA’ SCONFORTANTE SENZA PROPORRE ALCUNA STRATEGIA. CI VUOLE GREEN NEW DEAL”

 

“Il Def presentato dal governo si limita a fotografare una situazione sconfortante senza neppure provare a immaginare una strategia d’intervento efficace”, dichiara la senatrice di LeU Loredana De Petris, presidente del Gruppo Misto.

“La previsione di crescita, anche tenendo conto degli effetti dei decreti Sbloccacantieri e Crescita, non va oltre lo 0,2%. E’ evidente che avevamo ragione noi quando criticavamo la legge di bilancio dell’anno scorso proprio perché, pur prevedendo provvedimenti utili, difettava di interventi non effimeri. Ci sarebbe stato bisogno, come chiedevamo e come chiediamo ancora, di un piano davvero ambizioso di investimenti pubblici per il risanamento e la messa in sicurezza del territorio, un Green New Deal con stanziamenti pari almeno a mezzo punto di Pil, capace di creare occupazione oltre che di avviare un risanamento del territorio ormai non più rinviabile. In questo documento non c’è una sola riga che indichi la volontà di dare seguito alle parole pronunciate dopo le grandi manifestazioni sul clima. Nessun accenno a una riconversione del modello di sviluppo o a un’incentivazione drastica delle energie alternative. In compenso c’è l’aumento dell’Iva, che dovrebbe servire nelle intenzioni del governo a finanziare la Flat Tax, punendo così chi è in difficoltà per premiare chi sta già sin troppo bene.  E c’è la necessità di recuperare i due mld congelati nella scorsa legge di bilancio, il che significa, in concreto, tagli alla spesa pubblica. Noi non abbiamo mai condiviso la crociata contro il deficit. Si può e a volte si deve andare in deficit ma per avviare politiche capaci di risollevare l’economia del Paese, di creare lavoro e reddito, di avviare la transizione ecologica del Sistema/Paese. Per ottenere spazi di questo tipo bisognerebbe trattare con la Commissione europea e mettere in campo il progetto di Green New Deal. Purtroppo questo Def va in direzione opposta”.

Approfondisci

SIRI – DE PETRIS (LeU): “CONTE RIFERISCA AL PIU’ PRESTO IN AULA”

 

“Dopo la notizia delle indagini per corruzione avviate dalle procure di Palermo e Roma sul sottosegretario Armando Siri e a fronte della decisione del ministro delle Infrastrutture Toninelli di ritirare le deleghe al sottosegretario è imprescindibile che il presidente del consiglio, in quanto capo del governo e responsabile della nomina dei sottosegretari, riferisca al più in aula sul caso e sulle sue scelte in merito al mantenimento dell’incarico di sottosegretario per Siri”, dichiara la senatrice di LeU Loredana De Petris, presidente del gruppo Misto.

Approfondisci

CLIMA – DE PETRIS (LeU): “GRETA HA PARLATO A NOME DI UNA GENERAZIONE SENZA FUTURO. PER EVITARE IL DISASTRO SERVONO FATTI NON PAROLE”

 

“Greta oggi ha parlato, a buon diritto, a nome della sua generazione, quella che vede il proprio futuro messo a grave rischio per gli interessi di pochi. A chiedere un cambiamento radicale, un ripensamento dell’intero modello di sviluppo senza il quale non ci sarà nessun futuro, non è lei. E’ un’intera generazione a cui abbiamo il dovere di prestare ascolto”, afferma la senatrice di LeU Loredana De Petris, presidente del gruppo Misto.

“Ma prestare ascolto non significa cavarsela con qualche dichiarazione ipocrita per poi continuare come prima. Occorrono fatti concreti, scelte politiche precise e tempestive, decisioni immediate. Di tutto questo, nonostante le dichiarazioni unanimi che applaudono questa coraggiosa ragazza svedese, continua invece a non esserci traccia. Nel Def che verrà votato oggi non c’è nulla che indichi una pur minima inversione di tendenza e la politica del governo indica invece la scelta di proseguire e accelerare sulla disastrosa strada di sempre”.

Approfondisci

AGRICOLTURA – DE BONIS (GRUPPO MISTO): “URGENTE SGRAVIO SANZIONI E INTERESSI PER IMU AGRICOLA NON PAGATA”

 

“La legge del 2015 sulle esenzioni dall’IMU per i comuni agricoli ha creato e continua a creare sperequazioni assurde e ingiustizie intollerabili”, dichiara il senatore del gruppo Misto Saverio De Bonis.

“Non è raro trovare aree limitrofe e identiche soggette a trattamenti diversi, con la pesante imposta che grava sull’area che fa parte di un comune ma non su quella confinante che invece è parte di un altro comune. E’ evidente che questo ha creato ulteriori e gravi difficoltà in un settore che già deve fare i conti con i problemi immensi legati all’oscillazione dei prezzi di vendita e al continuo aumento dei costi di produzione. Di conseguenza molti degli interessati evitano di pagare l’imposta. In questa situazione sarebbe utile e forse necessario attuare una soluzione normativa, sulla scorta della rottamazione delle cartelle, per arrivare allo sgravio delle sanzioni e degli interessi per le imposte non pagate. In questo modo si offrirebbe un aiuto concreto al mondo agricolo e allo stesso tempo si aumenterebbero probabilmente le entrate per i comuni interessati. Ho quindi rivolto un’interrogazione in questo senso rivolta al ministro dell’Economia, con l’auspicio che si intervenga al più presto per sanare una situazione che sta creando problemi enormi a molti agricoltori”.

Approfondisci

BORDIN- DE PETRIS (LeU): “DOLORE IMMENSO PER SCOMPARSA GRANDE GIORNALISTA E PERSONA SQUISITA. MODO MIGLIORE PER RICORDARLO E’ BATTERSI PER EVITARE CHIUSURA DELLA RADIO”

 

“La scomparsa di Massimo Bordin è un dolore immenso per la perdita di un grande giornalista, modello di informazione davvero libera, e di una persona squisita. Ci mancherà moltissimo. Mi stringo in questo momento a tutti i suoi cari e alla redazione di Radio Radicale, che perde la sua voce migliore in un momento già molto difficile. Il modo migliore per ricordare Massimo, quello che credo lui stesso vorrebbe, è oggi continuare con ancora più impegno la battaglia per impedire la chiusura di Radio Radicale”, afferma la senatrice di LeU Loredana De Petris, presidente del gruppo Misto.

Approfondisci

SALUTE – DE BONIS (GRUPPO MISTO): “BASILICATA A RISCHIO TUMORI PER ALTA CONCENTRAZIONE RADON. CHE FA IL GOVERNO?”

“Negli ultimi anni l’attenzione delle organizzazioni sanitarie e dei geologi si sono sempre più concentrate sui rischi per la salute dovuti all’esposizione al radon, gas naturale radioattivo che può provocare, soprattutto se inalato in luoghi chiusi, effetti cancerogeni polmonari. Secondo l’Istituto Superiore di Sanità sono ogni anno circa 3200 i casi di tumore polmonare dovuto all’esposizione al radon in Italia. La normativa vigente nel nostro Paese risale al 2000 e raccomanda valori non superiori a 500 Bq/m³, in contrasto con la direttiva europea non ancora recepita in Italia, che fissa a 300Bq/m³ la soglia di esposizione entro i limiti di sicurezza, mentre secondo l’Organizzazione mondiale della sanità non dovrebbero essere superati i 100 Bq/m³”, dichiara il senatore del gruppo Misto Saverio De Bonis.

“In molti comuni della Basilicata sono registrati valori superiori ai 300 Bq/m³. In dieci comuni si arriva a 400 Bq/m³ e in alcun edifici scolastici addirittura ai 500 Bq/m³. E’ evidente che siamo in presenza di una minaccia tangibile per la salute dei cittadini della Basilicata e in particolare dei più giovani, gli studenti che frequentano quelle scuole ad alto rischio. Ho pertanto rivolto un’interrogazione al ministro della Salute per sapere se siano disponibili i dati sulla concentrazione di radon in Basilicata, se e quali studi il ministero intenda avviare per approfondire la conoscenza del problema e soprattutto cosa il ministero intenda fare per evitare che i cittadini e i ragazzi della Basilicata restino esposti a un così grave rischio per la loro salute”, conclude il senatore De Bonis

Approfondisci

IMMIGRAZIONE – DE PETRIS (LeU): “INCONCEPIBILE DIRETTIVA SALVINI CONTRO LA MAR JONIO”

“E’ inconcepibile che un ministro degli Interni possa emanare una direttiva che ha per obiettivo una nave sola, la ‘Mar Jonio’.  Salvini non è riuscito a far sequestrare la nave della Ong ‘Mediterranea’ perché in tutta evidenza non c’erano gli estremi per un sequestro. Ora cerca di vendicarsi con una direttiva che vuole impedire proprio a quella nave italiana di entrare in acque italiane se dovesse salvare altre vite e raccogliere altri naufraghi prima che affoghino. E’ un’ignominia davvero senza limite”, afferma la senatrice di LeU Loredana De Petris, presidente del gruppo Misto.

“Inutille aggiunge che tanto Salvini si preoccupa della sua miserabile vendetta contro la ‘Mar Jonio’, altrettanto si disinteressa della sorte dei rifugiati che dovessero lasciare la Libia. Non in cerca di ‘pacchia’, come dice il ministro insultando la miseria e la disperazione di centinaia di migliaia di esseri umani, ma per fuggire la guerra civile. Ma si sa, questi per il ministro Salvini sono particolari insignificanti”, conclude la presidente De Petris.

Approfondisci