All Posts Tagged: Covid-19

GREEN PASS – DE PETRIS (LeU): “È LA SCELTA GIUSTA ED È STATA CAPITA DALLA STRAGRANDE MAGGIORANZA DEGLI ITALIANI. MA È GIUSTO FARE IL POSSIBILE PER ABBASSARE LA TENSIONE”

“Il Green Pass obbligatorio per tutti i lavoratori è una scelta giusta, che il governo ha fatto nell’interesse della salute e della ripresa economica di tutto il Paese. La giornata di oggi dimostra che la stragrande maggioranza degli italiani lo ha capito. Bisogna proseguire su questa strada, senza farsi spaventare da una protesta che è stata molto amplificata e strumentalizzata in nome di precisi interessi politici di destra e a volte apertamente neofascisti”, afferma la capogruppo di LeU al Senato Loredana De Petris.

“Ciò non significa che si debba tirare diritto senza cercare il dialogo con quanti sono sinceramente e non strumentalmente impauriti dai vaccini o dalle regole del Green Pass. Bisogna al contrario moltiplicare le campagne di informazione per rassicurare quanti ancora diffidano di uno strumento come i vaccini, che ci ha invece salvato dal disastro sanitario ed economico. È anche giusto fare tutto il possibile, senza però intaccare la sostanza del Green Pass obbligatorio e senza caricare ulteriori costi sulle spalle della collettività, per abbassare ovunque la tensione”, conclude la presidente De Petris.

 

Approfondisci

NADEF – ERRANI (LEU-ECOSOLIDALI): “NUOVE REGOLE ANCHE NELLA UE PER SOSTENERE IL PNRR”

“LeU-Ecosolidali si riconosce nell’impianto di questa Nadef. La crescita robusta, ben oltre le previsioni del Def, fornisce un quadro positivo, da considerare però senza trionfalismi e senza sottovalutare i rischi. Prima di tutto dobbiamo però dire che la scelta dei governi Conte e Draghi di considerare la messa in sicurezza sanitaria come condizione fondamentale della crescita si è rivelata quella giusta.” Afferma il senatore Vasco Errani nella dichiarazione di voto in Senato per il gruppo LeU – Ecosolidali.
“Noi oggi abbiamo un’occasione più unica che rara per avviare il processo di trasformazione del Paese, ma dobbiamo sapere che ci sono dei rischi e il primo è proprio la pandemia. Nei paesi poveri il tasso di vaccinazione è del 6%. Non si può pensare di gestire la pandemia senza risolvere questo nodo e per farlo c’è un solo modo: un nuovo rapporto di Usa, Ue e Big Pharma nelle politiche di intervento per dotare rapidamente questi Paesi di vaccini. È la condizione fondamentale per evitare l’emergere di nuove varianti. Questa settimana comincia la discussione sulle nuove regole del Patto di stabilità. L’Italia deve svolgere un ruolo decisivo, come già ha fatto nella scelta del Recovery Fund. Non basta mettere in discussione le regole: bisogna mettere sul tavolo la possibilità di rendere strutturale la scelta fatta con il Pnrr e costruire così un nuovo percorso per tutta l’Unione. Dobbiamo però fare uno sforzo per chiarire la nostra strategia e la nostra politica industriale. La nostra strategia deve passare per tempestivi investimenti nella transizione ecologica, sul fronte delle energie compatibili, che vanno scorporati dal Patto di Stabilità. Infine non credo che ci sia alcun bisogno di tornare indietro su alcune scelte importanti. Il RdC è stato essenziale per reggere la crisi. Ma ora dobbiamo correggere il capitolo relativo alle politiche attive di inserimento. E qui la parola chiave è certamente formazione. Neppure sul fronte della spesa corrente dobbiamo tornare a prima della pandemia. Ad esempio è assolutamente indispensabile superare in modo definitivo il blocco anacronistico e sbagliato per le assunzioni del personale della sanità. Dobbiamo al contrario capire che investire sulla spesa corrente per sostenere ad esempio scuola e sanità, uscendo da una logica ragionieristica, è condizione decisiva per un rilancio equo e sostenibile dell’Italia”.

Approfondisci

COMUNALI – DE PETRIS (LeU): “ELEZIONI IMPORTANTISSIME. A ROMA È L’OCCASIONE PER USCIRE DA UNA CRISI CHE DURA DA TROPPI ANNI”

 

 

“Questa tornata di elezioni amministrative è di enorme importanza. Si tratta infatti di indirizzare le principali città italiane sulla strada della ripresa dopo la crisi Covid. Solo se alla guida ci saranno amministrazioni di centrosinistra attente alle esigenze della fasce sociali più deboli e ulteriormente provate dalla crisi indotta dalla pandemia, la ripresa potrà proseguire sotto il segno dell’equità”, afferma la capogruppo di LeU al Senato Loredana De Petris.

“La sfida è particolarmente importante a Roma, perché la Capitale, a differenza di altre grandi città, non si è affatto ripresa e risente ancora molto fortemente della crisi Covid, che si è sommata a un quadro già di massima gravità. È ora possibile cambiare strada e uscire dalla situazione disastrosa in cui versa Roma da decenni. Ma per questo è necessario che alla guida ci siano persone competenti e preparate come Roberto Gualtieri e che gli elettori diano forza a Sinistra Civica Ecologista, per indirizzare ancor più decisamente l’amministrazione sulla via della riconversione ecologica e del contrasto a iniquità sociali che in questa città hanno raggiunto livelli intollerabili”.

Approfondisci

DL GREEN PASS SCUOLA – ERRANI (LEU-ECOSOLIDALI): “AL CENTRO L’INTERESSE DELLA COMUNITA'”

“Il nostro Paese registra una ripresa robusta ed importante dell’economia e della vita sociale. Dobbiamo evitare passi indietro: a questo serve il green pass, serve per riaprire in sicurezza tutti i luoghi della cultura, della socialità, del divertimento e dello sport. I dati oggettivi provano l’esito positivo della vaccinazione su terapie intensive, ricoveri, mortalità. I vaccini servono a salvare vite. Per questo è così importante contrastare tutte le deformazioni della verità che producono insicurezza e paura”, dichiara il senatore Vasco Errani nella dichiarazione di voto in Senato sulla fiducia al decreto green pass scuola.

“Sappiamo che oggi un problema enorme è rappresentato dalle varianti. Dobbiamo garantire un altissimo numero di vaccinazioni per fronteggiarle e garantire che non si torni indietro. Il green pass è lo strumento che ci consente un equilibrio tra libertà individuale e sicurezza per la comunità: due elementi che non possono essere contrapposti. La soluzione di questo problema è un compito che non spetta alla scienza, ma alla politica, che deve mettere al centro l’interesse della comunità. Da qui l’importanza di assicurare che anche chi non è convinto della necessità del vaccino non esponga a rischi i propri concittadini.”

Approfondisci

SCUOLA – DE PETRIS (LEU): “LA SITUAZIONE È ANCORA IN BILICO, LA VACCINAZIONE È L’ARMA PIU’ EFFICACE MA DA SOLA NON BASTA”

“Gli studenti tornano oggi a scuola in una situazione che è ancora in bilico. Evitare un nuovo anno di didattica a distanza è un imperativo assoluto ma è anche una sfida che potremo vincere solo con uno sforzo comune su diversi fronti. La vaccinazione di tutti è l’arma più efficace di cui disponiamo e il ricorso al Green Pass obbligatorio era un passo necessario nelle scuole, come lo sarà nei luoghi di lavoro. Ma la vaccinazione da sola non basta”, afferma la capogruppo di LeU al Senato Loredana De Petris.
“Bisogna infatti lanciare subito un grande campagna di comunicazione e sensibilizzazione rivolta a genitori e studenti per garantire anche il rispetto delle regole di sicurezza soprattutto nei contatti con le persone più fragili per condizioni di salute o per età. Solo sommando campagna di vaccinazione e coinvolgimento diretto dei ragazzi, oltre che dei genitori, riusciremo a vincere questa sfida fondamentale non solo per i giovani ma per l’intero Paese”.

Approfondisci

GREEN PASS – DE PETRIS (LeU): “L’OBBLIGO VA ESTESO RAPIDAMENTE AI LUOGHI DI LAVORO. TAMPONI GRATUITI PER I FRAGILI E LE VITTIME DI DISFUNZIONI DEL SISTEMA”

“Il Green Pass è lo strumento di cui disponiamo per evitare una nuova ondata di pandemia e nuove chiusure. Tutti devono rendersi conto che la pandemia non è finita, il virus è ancora minaccioso e dobbiamo combatterlo con tutti i mezzi a partire dal vaccino e dal Green Pass”, afferma la capogruppo di LeU al Senato Loredana De Petris.

“Per questo bisogna estendere al più presto il Green Pass obbligatorio ai luoghi di lavoro, sulla base di un dialogo con le forze sociali che devono essere ascoltate attentamente ma senza depotenziare e rendere inutile il Green Pass stesso. Credo sia necessario che lo Stato garantisca tamponi gratuiti a chi per motivi di salute non può vaccinarsi e a coloro che, pur avendo avuto il Covid ed avendo ricevuto una dose di vaccino, non hanno ancora il Green Pass per disfunzioni del sistema. Sappiamo che sono ancora molti. È evidente che lo Stato non può farsi carico dei tamponi di chi rifiuta il vaccino. Deve però assicurare tamponi gratuiti a tutti quelli che sono senza Green Pass per condizioni indipendenti dalla loro volontà”, conclude la capogruppo di LeU.

Approfondisci

GREEN PASS – DE PETRIS (LeU): “LA DOPPIEZZA DELLA LEGA È POLITICAMENTE E MORALMENTE INACCETTABILE”

“La doppiezza della Lega sta diventando politicamente e moralmente inaccettabile, soprattutto perché così si gioca con la vita e con la salute delle persone. In un momento così delicato per la vita di tutti una forza politica seria ha il dovere di prendere posizioni chiare e univoche e di non confondere la popolazione. La Lega ha il dovere di decidere quale linea seguire non solo nei confronti del governo e della maggioranza di cui fa parte ma dell’intero Paese”, afferma la capogruppo di LeU al Senato Loredana De Petris.

“È molto importante estendere le regole di sicurezza subito, in modo da impedire una nuova ondata del virus in corrispondenza con la riapertura delle scuole e la ripresa delle attività lavorative. La tempestività è determinante ed è gravissimo che la Lega cerchi di ritardare scelte necessarie e già annunciate per il proprio tornaconto politico ed elettorale. Credo che tutta la maggioranza debba ora insistere perché la Lega smetta di comportarsi in modo così irresponsabile”, conclude la presidente De Petris.

Approfondisci

MATTARELLA – DE PETRIS (LeU): “MOLTO GIUSTO E OPPORTUNO L’ALTO RICHIAMO ALLA COESIONE NAZIONALE E AL SENSO DI RESPONSABILITA’ VERSO SE STESSI E GLI ALTRI”

“Molto giustamente il presidente della Repubblica, che è anche il garante della coesione nazionale, ha rivolto un appello alto e forte al senso di responsabilità di tutti gli italiani, nei confronti di se stessi e degli altri, perché si vaccinino senza cercare alibi e superando paure irrazionali. Spero che tutti ascoltino le parole del capo dello Stato e seguano le sue opportune indicazioni”, afferma la capogruppo di LeU al Senato Loredana De Petris.

“Siamo di fronte a un momento decisivo. Con la riapertura delle scuole e la ripresa delle attività lavorative il rischio di un aumento dei contagi è realistico. Dobbiamo evitare a tutti i cosi di trovarci di nuovo in una situazione di difficoltà che metterebbe a rischio la vita e la salute dei più fragili e sarebbe un colpo duro alla nostra economia, frenando la ripresa. Lo strumento di cui dispone la nostra comunità nazionale contro questo rischio sono i vaccini. È anche in nome del senso di appartenenza a questa comunità, come ci ha ricordato Sergio Mattarella, che ogni esitazione nell’uso di quello strumento deve essere superato e anche la propaganda politica strumentale deve fare un passo indietro”, conclude la presidente De Petris.

Approfondisci

COVID – DE PETRIS (LeU): “È NECESSARIA UNA GRANDE CAMPAGNA DI COMUNICAZIONE E SENSIBILIZZAZIONE. BISOGNA USARE OGNI MEZZO PRIMA DI DECIDERE L’OBBLIGO VACCINALE”

“Con la riapertura delle scuole e la ripresa della piena attività lavorativa il rischio di contagio è inevitabilmente destinato ad aumentare. Siamo di fronte al momento più delicato. Bisogna dunque intensificare ogni sforzo a partire dalla campagna di vaccinazione, che deve arrivare ben oltre il traguardo dell’80% che verrà raggiunto entro questo mese. Bisogna far partire ovunque una campagna di informazione, comunicazione e sensibilizzazione capillare, metodica ed efficace” afferma la capogruppo di LeU al Senato Loredana De Petris.

“Nelle scuole, ad esempio, l’obbligo di vaccinazione per docenti e personale ATA, pur necessario, non basta. Si devono coinvolgere i ragazzi, che non sono una massa di irresponsabili, e fargli capire la necessità di mantenere comunque un comportamento di massima prudenza soprattutto nei rapporti con le persone più a rischio per motivi di salute o d’età. Dobbiamo usare tutti i mezzi a nostra disposizione, dal Green Pass alla comunicazione, prima di dover procedere con l’obbligo di vaccinazione”, conclude la presidente. De Petris.

Approfondisci

RDC – DE PETRIS (LeU): “STRUMENTO DA MIGLIORARE MA INDISPENSABILE”

“Il Reddito di Cittadinanza può e deve certamente essere migliorato, soprattutto per quanto riguarda le politiche attive del lavoro. Sarebbe bene però ricordare che gli ultimi due anni, con l’esplosione della pandemia, non rappresentano il momento ideale per valutare gli effetti anche di quella parte del RdC. È evidente che, con la pandemia e i lockdown non ci si potevano attendere risultati migliori”, afferma la capogruppo di LeU al Senato Loredana De Petris.

“In compenso proprio la pandemia ha dimostrato quanto prezioso e necessario sia il RdC. Forse Salvini non si rende conto di quante persone sarebbero precipitate nell’indigenza senza quello strumento. O più probabilmente cinicamente se ne disinteressa. Il RdC, non a caso presente in qualche forma quasi ovunque in Europa, è però uno strumento indispensabile non solo in condizioni di emergenza come la pandemia ma anche per affrontare la riconversione soprattutto digitale che ci aspetta. Chiedere di cancellarlo per ragioni di pura propaganda è assolutamente irresponsabile”, conclude la capogruppo di LeU.

Approfondisci