All Posts Tagged: senato

DIETRO QUESTA LEGGE ‘SPOT’ DI RIFORMA COSTITUZIONALE SI NASCONDE IL MORBO DELL’ANTIPARLAMENTARISMO

La legge di riforma costituzionale, che riduce drasticamente il numero dei senatori e dei deputati, è stata giustificata e spiegata prima di tutto con la necessità di ridurre i costi della politica. Si tratta dell’ennesimo strumento propagandistico ai soli fini elettorali. C’è qualcosa di profondamente allarmante nel ridurre una questione fondamentale ed essenziale come quella della democrazia rappresentativa a faccenda di costi e risparmi, come se si trattasse del bilancio di una drogheria. Bisogna avere il coraggio di dire che la democrazia ha i suoi costi, che pagare quei costi è giusto e che quei costi non hanno nulla a che spartire con la retorica “anti-casta”.
Del resto, questa retorica anti-casta è valida a corrente alternata, e cioè solo quando serve a infliggere colpi al Parlamento e alla democrazia parlamentare. Può invece essere tranquillamente messa da parte, a quanto pare, quando bisogna salvare il ministro Salvini da un giusto processo per aver agito al di fuori della legge e contro la legge! Ma che un nodo così vitale per il funzionamento della democrazia sia svilito e ridotto a contabilità non è un caso. Dietro questa impostazione si intravede purtroppo molto nitidamente una tendenza nefasta che riemerge periodicamente, come un fiume carsico, nella storia politica italiana: l’antiparlamentarismo, l’insofferenza non per il costo della democrazia parlamentare ma per la democrazia parlamentare in sé, la diffidenza verso la democrazia rappresentativa. E ancora, il mantra delle riforme costituzionali che avevano come unico obiettivo, così come per la riforma Boschi-Renzi, di ridefinire i rapporti tra poteri a solo vantaggio dell’esecutivo. Questi tratti divengono oggi preponderanti nella concezione di democrazia della maggioranza giallo-verde, e in particolare in quella dei 5 stelle, accompagnata dalle dichiarazioni di Casaleggio e di Grillo sulla fine del Parlamento.
L’identificazione del Parlamento con la casta, l’obiettivo di introdurre il vincolo di mandato, l’insofferenza, se non proprio la battaglia, contro i corpi intermedi, ne costituisce la cifra più evidente.
Che ci si trovi di fronte a una crisi profonda della democrazia rappresentativa, in Italia come in molti altri Paesi occidentale, è certo. Ma un problema così esiziale dovrebbe essere affrontato con serietà, profondità, capacità di analizzare le trasformazioni che determinano questa crisi, non riducendola a un problema di tagli lineari che peraltro produrrà un ulteriore affievolimento del rapporto tra eletti e elettori. 

Sarebbe stato necessario, in Italia, intervenire drasticamente per limitare fortemente il ricorso alla decretazione d’urgenza, che è all’origine dello slittamento delle funzioni del Parlamento dalla postazione centrale assegnatagli dalla Costituzione a un ruolo sempre più subalterno e ancillare rispetto al potere esecutivo.
Mentre al Senato si discuteva sulla riduzione del numero dei parlamentari, alla Camera era in aula la riforma della Carta che introdurrà il referendum propositivo. Noi siamo sempre stati favorevolissimi all’introduzione di strumenti di democrazia diretta. Ma perché questi strumenti funzionino positivamente e non si traducano in plebiscitarismo, che della democrazia diretta è solo una cupa caricatura, è necessario che siano allo stesso tempo confermate e rafforzate il ruolo e il funzionamento della democrazia rappresentativa, dunque del Parlamento. Democrazia partecipata e democrazia rappresentativa non sono e non possono essere contrapposti. Devono essere complementari.
Non si può infine tacere sul fatto che, con questa legge elettorale, la riduzione del numero dei parlamentari porta le soglie di sbarramento a livelli stratosferici, innanzitutto intaccando in modo pressoché irreparabile il pluralismo della rappresentanza. Resteranno fuori dal Parlamento tutte le minoranze, innanzitutto quelle politiche. Supereranno quella soglia di sbarramento pochissimi partiti, non più di tre. E’ un altro colpo durissimo inflitto alla democrazia sostanziale, alla democrazia rappresentativa, al diritto di tutti i cittadini e gli elettori di essere rappresentati in Parlamento.

Loredana De Petris
Senatrice di Liberi e Uguali
Presidente del Gruppo Misto

Approfondisci

CONFERENZA STAMPA

Su iniziativa della Senatrice Loredana De Petris 

CONFERENZA STAMPA 
16 Gennaio 2019, ore 13.30 

Sala “Caduti di Nassirya”, Palazzo Madama 
presso il Senato della Repubblica 
piazza Madama, 11 – Roma

 

I BAMBINI MERITANO DI PIU’ 
con Maria Serenella Pignotti

              la sindrome di alienazione parentale e il furto della madre 

 

 

Modera : Vittoria Tola U.D.I. – Unione Donne in Italia 
Intervengono
Antonella Penati – Presidente Associazione Federico nel cuore onlus 
Giulia Potenza- Responsabile Nazionale U.D.I 
Fabio Roia – Giudice Procura di Milano 
Andrea Mazzeo – Psichiatria 

Le opinioni e i contenuti espressi nell’ambito dell’iniziativa sono nell’esclusiva responsabilità dei proponenti e dei relatori e non sono riconducibili in alcun modo al Senato della Repubblica o ad organi del Senato medesimo. L’accesso alla sala – con abbigliamento consono e, per gli uomini, obbligo di giacca e cravatta – è consentito fino al raggiungimento della capienza massima. 

Tutti le / i Giornalisti che vogliono partecipare devono accreditarsi secondo le modalità consuete inviando un fax allo 06.67062947

 

 

Approfondisci

CONFERENZA STAMPA

Su iniziativa del Senatore Maurizio Buccarella, 
Vice Presidente Gruppo Misto del Senato della Repubblica

CONFERENZA STAMPA
su
TRANSIZIONE ENERGETICA

Giovedì 17 gennaio 2019, ore 13.00 
Sala “Caduti di Nassirya” 
Senato della Repubblica 
piazza Madama, 11


Presentazione della Proposta di Legge di iniziativa popolare su Transizione Energetica e Idrogeno rinnovabile.

A seguito della conferenza delle Nazioni Unite
“COP 24 – KATOWICW 2018 UNITED NATIONS CLIMATE CHANGE CONFERENCE”
2-15 dicembre 2018

Intervengono:

Maurizio Buccarella –  Vice Presidente Gruppo Misto del Senato della Repubblica
Prof. Nicola Conenna – Presidente Fondazione H2U The Hydrogen University (Autore del testo quale alto esperto della materia, in collaborazione con ANCI Nazionale, facendo seguito a protocollo d’intesa sottoscritto a maggio fra ANCI e Fondazione H2U).

Dott. Ivan Stomeo – Sindaco delegato Energia di ANCI Nazionale.


 

Le opinioni e i contenuti espressi nell’ambito dell’iniziativa sono nell’esclusiva responsabilità dei proponenti e dei relatori e non sono riconducibili in alcun modo al Senato della Repubblica o ad organi del Senato medesimo. L’accesso alla sala – con abbigliamento consono e, per gli uomini, obbligo di giacca e cravatta – è consentito fino al raggiungimento della capienza massima.

Tutte le / i Giornalisti che vogliono partecipare devono accreditarsi secondo le modalità consuete inviando un fax allo 06/67062947

Approfondisci

DL SEMPLIFICAZIONE. DE PETRIS (LEU): ” GLI EMENDAMENTI DELLA LEGA SULLA CACCIA SONO UN ATTENTATO ALLA FAUNA SELVATICA, CI ASPETTIAMO UN’ALZATA DI SCUDI DAL M5S”.

“Gli emendamenti della Lega al Dl Semplificazione sono una vera e propria deregulation della caccia: calendari venatori allungati, possibilità di aggirare l’obbligo di annotazione immediata sul tesserino venatorio regionale dell’animale selvatico appena ucciso, uso di richiami vivi, possibilità di sparare ai piccoli uccelli protetti e tanti altri orrori, proposte che devono essere dichiarate inammissibili e respinte da parte di chi dice di avere a cuore la fauna selvatica. Chiediamo al Ministro dell’Ambiente Costa, e ai senatori del M5S che, nella scorsa legislatura, si erano opposti con noi a modifiche peggiorative della vigente disciplina sulla caccia di bloccare sul nascere questi sciagurati emendamenti. Dopo lo scontro sulle trivellazioni petrolifere, è ormai evidente che non esiste una politica del governo sulle questioni di maggior rilievo in materia ambientale”.Lo ha dichiarato oggi Loredana De Petris, presidente del Gruppo Misto.

Approfondisci

SANREMO. DE PETRIS (LEU): “SI RIUNISCA SUBITO VIGILANZA, LE PRECISAZIONI DI SALINI SONO POSITIVE MA NON BASTANO”.

“Le precisazioni dell’ad Salini sono positive ma non bastano a dissipare le ombre di intervento gravemente censorio della direttrice di Raiuno Teresa De Santis. Il tentativo di imbavagliare Claudio Baglioni per evitare che, pur non essendo un politico di professione, critichi le scelte del governo in materia di immigrazione resta gravissimo e brutale. E’ necessario che la commissione di vigilanza si riunisca e si pronunci al più presto su una così clamorosa violazione delle regole democratiche nel servizio pubblico”, dichiara la senatrice di LeU Loredana De Petris, presidente del gruppo Misto e membro della commissione di vigilanza Rai.

Approfondisci

TAV. DE PETRIS (LEU): “M5S SI PIEGHERA’ ANCORA UNA VOLTA AI DIKTAT DI SALVINI?”

 

“E’ inutile che il ministro Toninelli e l’M5S si fingano stupiti per le posizioni della Lega a favore del Tav. Quando hanno scelto quell’alleanza sapevano benissimo di avere a che fare con un partito che sulle grandi opere, sul modello di sviluppo e sull’ambiente aveva posizioni opposte, e da allora M5S si è infatti puntualmente piegato ai diktat di Salvini”, dichiara la senatrice di LeU Loredana De Petris, presidente del gruppo Misto.

“Spero che almeno stavolta M5S non si arrenda. Rispetto a quando il Tav fu ideato la situazione è completamente cambiata e l’analisi del rapporto costi-benefici non poteva che confermare l’assurdità di un’opera che costa moltissimo e non offre in cambio alcun beneficio. Non bloccarla significherebbe per M5S solo cedere agli ordini della Lega e non è neppure più possibile tergiversare come sta facendo Di Maio. E’ ora di prendere una posizione netta e coraggiosa ignorando i ricatti”, conclude la presidente De Petris.

Approfondisci

TRIVELLE – DE PETRIS (LeU): “NOSTRI EMENDAMENTI GIA’ PRESENTATI. VEDREMO ALLA PROVA DEI FATTI SE IL GOVERNO VUOLE DAVVERO FERMARE LE TRIVELLAZIONI”.

 

“Vedo che il Mise annuncia un emendamento che dovrebbe bloccare 36 autorizzazioni per le trivellazioni, incluse quelle nel Mar Ionio. Ci auguriamo che il blocco scatti davvero e che non si tratti solo di una manovra fatta apposta per confondere le acque”, afferma la senatrice di LeU Loredana De Petris, presidente del gruppo Misto.

“Noi abbiamo già presentato numerosi emendamenti al DL Semplificazione per chiedere una moratoria sui titoli abilitativi per la prospezione, ricerca e e coltivazione di idrocarburi liquidi in mare, per vietare l’utilizzo della tecnica air-gun e per chiedere l’abrogazione dell’art.38 del DL Sblocca Italia. Ci auguriamo che il governo intervenga davvero come promette di fare. Lo attendiamo alla prova dei fatti”.

Approfondisci

MIGRANTI. DE PETRIS (LEU): “FINALMENTE IL DRAMMA E’ FINITO, ORA MANTENERE UNITI NUCLEI FAMILIARI”.

“Finalmente il dramma dei profughi del ‘Sea Watch’ e del ‘Sea Eye’ è finito e dovrebbe essere un motivo di gioia per qualsiasi persona dotata di civiltà e umanità. Resta una vergogna per l’Italia e per l’ Europa tutta che 49 esseri umani, inclusi alcuni bambini, siano stati costretti a sopravvivere per giorni in condizioni simili. Ora è essenziale che i nuclei familiari vengono mantenuti uniti e non si aggiungano nuove forme di barbarie dividendo le famiglie come intendeva fare il vicepremier Di Maio”, afferma la senatrice Loredana De Petris, presidente del gruppo Misto.

“E’ positivo che, pur se con immenso ritardo, Giuseppe Conte si sia ricordato ieri sera di essere il presidente del consiglio e abbia deciso di agire di conseguenza, mentre il ministro Salvini insisteva e insiste nel mettere le ragioni della peggiore e più feroce propaganda al di sopra di tutto il resto”, conclude la presidente De Petris.

Approfondisci

SANITA’. Errani (LeU): “MINISTRO GRILLO CHIARISCA VICENDA SCHEDATURA TECNICI CSS.”

“Ho presentato un’interrogazione al ministro della Salute Grillo relativa alla recente inchiesta giornalistica apparsa su La Repubblica dalla quale si apprende che il ministro avrebbe commissionato una raccolta di informazioni personali e politiche relative ai 30 componenti non di diritto del Consiglio Superiore di Sanità dimissionati il 3 dicembre scorso”.

Così il vicepresidente della commissione Sanità in Senato Vasco Errani.

“Se questo rispondesse al vero, come pare confermato dalle prime dichiarazioni del Ministro, sarebbe un atto grave e inaudito, si tratterebbe infatti di una schedatura di carattere politico di tecnici componenti di una commissione consultiva i cui criteri di nomina dovrebbero essere ispirati da ragioni di merito e prestigio scientifico e prescindere completamente dalle preferenze politiche dei soggetti, permettendo al CSS di mantenere un profilo di laicità rispetto alle maggioranze di governo e una conseguente serenità di giudizio. Avevo già presentato a inizio dicembre una interrogazione al ministro per chiedere conto delle ragioni delle dimissioni del CSS, interrogazione a cui il ministro non ha mai risposto. Da quanto emerge dalle recenti informazioni giornalistiche il quadro risulterebbe molto più grave di quanto era stato prefigurato inizialmente, il ministro ora deve chiarire l’intera vicenda, se queste informazioni abbiano influito sulla decisione di dimissionare i membri non di diritto del CSS e se le nuove nomine siano state motivate da ragioni di carattere tecnico e scientifico o di fedeltà politica al Ministro e alla sua maggioranza”.

Approfondisci

MIGRANTI. DE PETRIS (LEU): “BASTA PROPAGANDA ODIOSA, SIANO SALVATE E ACCOLTE LE 49 PERSONE”

 

“L’odissea dei profughi della Sea Watch e della Sea Eye continua nell’indifferenza e nel cinismo del governo italiano e dell’Europa. Le esigenze di una propaganda odiosa, la preoccupazione per le elezioni nei vari paesi europei, il braccio di ferro tra i soci della maggioranza in Italia hanno puntualmente la meglio su quel briciolo di umanità necessaria per salvare 49 persone abbandonate da tutti. Dobbiamo restituire alla politica umanità, dignità e civiltà e il primo passo è portare in salvo e accogliere quelle 49 persone”, afferma la senatrice Loredana De Petris, presidente del gruppo Misto.

Approfondisci