All Posts Tagged: governo giallo-verde

DL SEMPLIFICAZIONE. DE PETRIS (LEU): ” GLI EMENDAMENTI DELLA LEGA SULLA CACCIA SONO UN ATTENTATO ALLA FAUNA SELVATICA, CI ASPETTIAMO UN’ALZATA DI SCUDI DAL M5S”.

“Gli emendamenti della Lega al Dl Semplificazione sono una vera e propria deregulation della caccia: calendari venatori allungati, possibilità di aggirare l’obbligo di annotazione immediata sul tesserino venatorio regionale dell’animale selvatico appena ucciso, uso di richiami vivi, possibilità di sparare ai piccoli uccelli protetti e tanti altri orrori, proposte che devono essere dichiarate inammissibili e respinte da parte di chi dice di avere a cuore la fauna selvatica. Chiediamo al Ministro dell’Ambiente Costa, e ai senatori del M5S che, nella scorsa legislatura, si erano opposti con noi a modifiche peggiorative della vigente disciplina sulla caccia di bloccare sul nascere questi sciagurati emendamenti. Dopo lo scontro sulle trivellazioni petrolifere, è ormai evidente che non esiste una politica del governo sulle questioni di maggior rilievo in materia ambientale”.Lo ha dichiarato oggi Loredana De Petris, presidente del Gruppo Misto.

Approfondisci

TRIVELLE – DE PETRIS (LeU): “NOSTRI EMENDAMENTI GIA’ PRESENTATI. VEDREMO ALLA PROVA DEI FATTI SE IL GOVERNO VUOLE DAVVERO FERMARE LE TRIVELLAZIONI”.

 

“Vedo che il Mise annuncia un emendamento che dovrebbe bloccare 36 autorizzazioni per le trivellazioni, incluse quelle nel Mar Ionio. Ci auguriamo che il blocco scatti davvero e che non si tratti solo di una manovra fatta apposta per confondere le acque”, afferma la senatrice di LeU Loredana De Petris, presidente del gruppo Misto.

“Noi abbiamo già presentato numerosi emendamenti al DL Semplificazione per chiedere una moratoria sui titoli abilitativi per la prospezione, ricerca e e coltivazione di idrocarburi liquidi in mare, per vietare l’utilizzo della tecnica air-gun e per chiedere l’abrogazione dell’art.38 del DL Sblocca Italia. Ci auguriamo che il governo intervenga davvero come promette di fare. Lo attendiamo alla prova dei fatti”.

Approfondisci

TRIVELLE. DE PETRIS (LEU): “GOVERNO SUBITO IN AULA SU PASTICCIO NUOVE CONCESSIONI, NON E’ VERO CHE OGNI ATTO E’ DOVUTO”

 

“Tra il dire e il fare questa volta ci passa il Mare Ionio, non cambia infatti la sudditanza del Movimento 5 Stelle nei confronti dei progetti per l’estrazione di idrocarburi. Chiediamo ai Ministri dell’Ambiente e dello Sviluppo Economico di venire urgentemente in Aula a riferire sul pasticcio del rinnovo delle concessioni petrolifere e dei permessi alle perforazioni in scadenza, autorizzati dal Governo”.

Lo chiede la senatrice di LeU Loredana De Petris, presidente del gruppo Misto, che aggiunge:

“Non ci si arrampichi sugli specchi che ogni atto ‘è dovuto’, perché fino all’autorizzazione finale si può rivedere la scelta amministrativa. Il testo Unico dell’Ambiente prevede che la V.I.A. possa essere rieditata qualora emergano impatti non valutati. Quello che serve e che invece manca è proprio la volontà politica.
Le trivellazioni sono una scelta energetica arretrata e pericolosa che rischia di compromettere l’ambiente marino e l’economia dei tanti Comuni costieri che vivono di turismo. Dispiace constatare questa sorta di ambientalismo ‘a tempo’ da parte di chi ha sostenuto insieme a noi questa vertenza sul territorio. Davvero un pessimo segnale. Ci auguriamo che Di Maio rimanga fedele alla promessa di emanare una norma per dichiarare l’air gun una pratica illegale, e un piano per il clima e l’energia per arrivare ad avere il 100% di energie rinnovabili”.

Approfondisci

MANOVRA – CAPIGRUPPO LeU DE PETRIS E FORNARO: “CHIESTO INCONTRO A CAPO DELLO STATO PER SEGNALARE GRAVE FERITA A PARLAMENTO E DEMOCRAZIA ITALIANA”

Abbiamo chiesto al capo dello Stato un incontro per segnalare al presidente, che è guardiano della Costituzione e custode della corretta applicazione della regole istituzionali, la gravissima situazione che il governo ha creato in Parlamento in merito all’approvazione della legge di bilancio”, informano i capigruppo di LeU Federico Fornaro e Loredana De Petris.

Per la prima volta una legge di bilancio è stata approvata al Senato con la fiducia di fatto a scatola chiusa, senza che la commissione di Bilancio e l’aula avessero alcuna possibilità anche solo di leggerla e tanto meno di emendarla. La stessa situazione si sta ripetendo in queste ore alla Camera, già umiliata dall’aver dovuto approvare, sempre con la fiducia, una manovra finta. 

Al di là delle critiche di merito sui contenuti della legge di bilancio, il metodo con il quale la si è dovuta approvare costituiscono una gravissima ferita per il Parlamento, spogliato di ogni sua prerogativa, e per la stessa democrazia italiana. Di questa situazione inaudita vogliamo informare compiutamente il presidente della Repubblica”, concludono i presidenti Fornaro e De Petris.

Approfondisci

MANOVRA. DE PETRIS (LEU): “INCOSTITUZIONALE LA NORMA SUI CAMBI DI DESTINAZIONE DEL PATRIMONIO PUBBLICO”.

 

“Con l’illusione di incassare più fondi dalla svendita del patrimonio pubblico, il Governo calpesta le competenze costituzionali di Comuni e Regioni in materia di assetto del territorio. Cambi di destinazione, ma anche demolizioni e ricostruzioni di edifici pubblici alienati, saranno possibili in via diretta, scavalcando completamente i pareri e la volontà degli enti locali”.

E’ quanto dichiara Loredana De Petris, senatrice di LeU e capogruppo del Misto a Palazzo Madama, in merito al contenuto dell’emendamento del Governo 1.7000 alla manovra di Bilancio, concernente le procedure di alienazione del patrimonio pubblico.

“Per gli edifici pubblici di pregio localizzati nei centri storici per esempio a Roma, il Palazzo degli Esami a Trastevere e l’ex-ospedale San Giacomo, già in via di alienazione, dobbiamo prepararci ad operazioni speculative col timbro dell’Agenzia del Demanio, con la possibilità di accedere direttamente alle più remunerative destinazioni commerciali. Una controriforma costituzionale inserita nella manovra di bilancio, una vera perla del governo giallo-verde”.

Approfondisci