All Posts Tagged: Paola Nugnes

GLIFOSATO – DE BONIS, DE FALCO, DE PETRIS, MARTELLI, NUGNES, CIAMPOLILLO, BUCCARELLA: “LA MOZIONE CATTANEO E’ STATA APPROVATA PER ERRORE. AUSPICHIAMO CHE L’INFORMAZIONE SUL TEMA SIA PRECISA E COMPLETA”

“L’aula di Palazzo Madama, dopo aver approvato la mozione contraria all’uso del glifosato presentata dai senatori De Bonis, De Falco, De Petris, Buccarella, Martelli, Nugnes e Ciampolillo, ha poi anche pilatescamente approvato la mozione favorevole al diserbante della senatrice a vita Cattaneo, con 89 a favore e 86 contrari. Tuttavia, quattro+ voti favorevoli erano stati espressi per errore, come è stato immediatamente fatto constatare a verbale dai senatori interessati. In sostanza, la mozione Cattaneo formalmente è stata approvata, ma politicamente il governo non può non tener conto del fatto che è stata in realtà respinta e che l’unica mozione approvata sia formalmente sia politicamente, con 222 voti a favore e uno solo contrario (quello della stessa senatrice Cattaneo), è quella contraria al glifosato. È bene quindi che gli organi di stampa ne prendano atto e diano una corretta informazione al pubblico. La questione del glifosato è troppo importante per generare confusione nei cittadini”.
 
Lo hanno dichiarato in una nota congiunta i senatori De Bonis, De Falco, De Petris, Buccarella, Martelli, Nugnes e Ciampolillo, firmatari della mozione sul glifosato che ha ottenuto ieri l’approvazione al Senato, e che chiede al governo di adottare precise misure, in ottemperanza al principio di precauzione comunitario, per monitorare e scoraggiare l’uso di questo diserbante, vietando inoltre la presenza di glifosato in tutte le stive di grano importato, anche se già sdoganato in altri porti europei, e intensificando contestualmente le attività di controllo e monitoraggio.

Approfondisci

IMMIGRAZIONE, FUNERALE THOMAS DANIEL – RUOTOLO (GRUPPO MISTO): “ABBIAMO CHIESTO SCUSA ALLA VEDOVA DELL’OPERAIO EDILE MORTO NEL CANTIERE ABUSIVO A NAPOLI”

Quel silenzio, quel pianto disperato di Cinthia Daniel è uno schiaffo, un pugno per tutti noi. Thomas, come tanti altri migranti che risiedono a Castelvolturno, partiva alle 5 di mattina per lavorare come muratore in qualche cantiere di Napoli e della sua provincia. Lo faceva da anni ma la sera del primo giugno Thomas non è tornato a casa e per 48 ore non si è saputo nulla di lui. Poi l’amara verità: Thomas era morto a Napoli in un incidente sul lavoro. Oggi insieme a Erasmo Palazzotto, Paola Nugnes e Gennaro Migliore e anche a nome di un folto numero di parlamentari della Repubblica italiana ai funerali di Thomas nella chiesa di San Gaetano di Thiene, a Mondragone, abbiamo espresso le nostre condoglianze alla vedova, la signora Cinthia Daniel, e le scuse all’intera comunità di Castel Volturno per quello che è successo a Thomas Daniel, vittima innocente di un incidente sul lavoro”. Lo scrive il senatore Sandro Ruotolo del Gruppo Misto, che insieme a una delegazione di parlamentari oggi ha partecipato al funerale di Thomas Daniel, l’operaio edile ucciso da un crollo di un muro di contenimento di un cantiere abusivo. “Da Castelvolturno, chiediamo al governo, al presidente Conte, alla ministra dell’interno, Luciana Lamorgese, di modificare le norme sulla regolarizzazione dei migranti. Perché non estendere la regolarizzazione anche al settore edile ed altri settori? C’è bisogno di restituire dignità a questi lavoratori, di salvare i rinnovi dei permessi di soggiorno per motivi umanitari, cancellati dai decreti sicurezza, per evitare che in Italia altri 110.000 persone diventino invisibili, 2.000 solo a Castel Volturno”.

Approfondisci

MANOVRA – DE PETRIS E NUGNES: “FONDAMENTALE PER LA TRANSIZIONE ECOLOGICA L’ISTITUZIONE DELLA COMMISSIONE SUI SUSSIDI AMBIENTALMENTE DANNOSI”

“Tra gli emendamenti che hanno migliorato la legge di bilancio approvati in commissione al Senato riteniamo particolarmente importante e strategicamente significativo quello che istituisce una Commissione per lo studio e le proposte finalizzate alla transizione ecologica e per la riduzione progressiva dei sussidi ambientalmente dannosi”, dichiarano le senatrici Loredana De Petris, presidente del gruppo Misto e Paola Nugnes.

“La Commissione è un passaggio fondamentale per tradurre in pratica concreta le nuove politiche Green che sono la pietra angolare di questa maggioranza e di questo governo. E’ evidente che non si tratterà di un taglio immediato ma di un percorso progressivo. La commissione avrà il compito di elaborare entro il prossimo 31 ottobre una proposta organica per ridefinire le esenzioni in particolare per quanto riguarda il trasporto merci su navi e aerei, l’agricoltura e gli usi civili. E’ compito urgentissimo del governo adoperarsi in ogni modo per raggiungere già entro il 2030 una riduzione drastica delle emissioni di gas, senza la quale sarà impossibile raggiungere l’obiettivo della neutralità climatica per il 2050, secondo le scadenze confermate anche a Madrid dalla presidente Von der Leyen. L’istituzione della commissione è un passo fondamentale in questa direzione”, concludono la presidente De Petris e la senatrice Nugnes.

Approfondisci

CONFERENZA STAMPA

DDL SUL DIRITTO ALLA DIGNITA’
NELLA FASE FINALE DELLA VITA
mercoledì 25 ore 12, sala dei Presidenti
via Giustiniani 11
Mercoledì 25, alle ore 12, presso la Sala dei Presidenti di Palazzo Giustiniani, conferenza stampa di presentazione del ddl in materia di tutela della dignità nella fase finale della vita, a prima firma di Monica Cirinnà insieme a Tommaso Cerno, Loredana De Petris, Matteo Mantero, Riccardo Nencini, Paola Nugnes e Roberto Rampi.
Approfondisci

AMBIENTE – SENATRICE NUGNES (GRUPPO MISTO) : “SODDISFAZIONE PER RISOLUZIONE NITRATI APPROVATA ALL’UNANIMITÀ “

Siamo pienamente soddisfatti del lavoro fatto nelle commissioni congiunte Ambiente ed Agricoltura dove abbiamo lavorato in collaborazione trasversale “ così la senatrice del gruppo Misto Paola Nugnes, relatrice insieme al senatore Bergesio, dopo l’approvazione avvenuta stamattina con voto unanime della risoluzione Nitrati che si rifà alla direttiva comunitaria 91/676/CEE, c.d. La Direttiva Nitrati, relativa alla protezione delle acque dall’inquinamento provocato dai nitrati provenienti da fonti agricole, finalizzata a ridurre e prevenire l’inquinamento delle acque provocato dai nitrati di origine agricola.

Siamo stati sollecitati sulla questione dall’Università di Veterinaria di Napoli a causa della nuova zonizzazione 2017 della Regione, che vede raddoppiati e oltre gli ettari delle aree vulnerabili ai nitrati rispetto al periodo precedente in Campania. Ciò mette seriamente a serio rischio il comparto bufalino e di produzione della mozzarella, importantissimo per l’economia della regione Campania. Si richiede pertanto al governo l’impegno a stabilire linee guida affinché vi siano dei criteri univoci in tutte le regioni per la zonizzazione. Soprattutto deve essere tenuto presente l’impatto del settore agricolo, degli allevamenti ma anche dell’azione antropica, per identificare le cause dei livelli dei nitrati nelle acque. L’inquinamento da nitrati è stato per troppo tempo attribuito solo all’incidenza dei derivati delle attività agricole o zootecniche, ignorando le considerazioni e gli studi svolti in materia dall’università di Milano e dello stesso ISPRA, che hanno dimostrato come l’agricoltura rappresenti solo una parte residuale del problema e che le vere cause vanno ricercate anche nella pressione antropica. L’Italia e sotto osservazione da parte dell’Europa per errata zonizzazione. La zonizzazione della Regione Campania potrebbe quindi essere considerata nulla se il ricorso al Tar di Confagricoltura fosse accolto. Il settore agricolo, ancora oggi, paga un prezzo pesantissimo, in termini di limitazioni e di costi produttivi, per la sovrapposizione, nei valori rilevati dalle analisi periodicamente comunicate alla Commissione Europea, degli scarichi civili con quelli agricoli.”

Approfondisci

SCUOLA- DE PETRIS (LA SINISTRA): “SUL GRAVISSIMO EPISODIO DI CENSURA A PALERMO IL GOVERNO HA L’OBBLIGO DI PRENDERE POSIZIONE”

“E’ inconcepibile che il governo si trinceri dietro alibi ridicoli di fronte a una violazione dei diritti sancìti dalla Costituzione degna di uno Stato di polizia, come quella che si è verificata a Palermo con la assurda sanzione comminata a una professoressa colpevole di aver fatto il proprio lavoro. Il ministro Bussetti, invece, ricorre al più classico esercizio di scarica barile come se fosse solo un piccolo e pavido burocrate, parlando di ‘scelta dell’Ufficio scolastico’.  Ricordo al ministro che quanto i diritti e le libertà vengono concretamente minacciate il governo non si può nascondere in questo modo”, afferma la senatrice di La Sinistra Loredana De Petris, presidente del gruppo Misto.

“Con la senatrice del M5S Paola Nugnes abbiamo presentato un’interrogazione urgente in merito, rivolta ai ministri dell’Istruzione e degli Interni. In un caso che chiama in causa i diritti democratici essenziali il governo ha il dovere di prendere una posizione chiara”, conclude la presidente De Petris.

Approfondisci

SCUOLA- DE PETRIS (LA SINISTRA) E NUGNES (M5S): “SANZIONI CONTRO DOCENTE DI PALERMO GRAVE VIOLAZIONE DIRITTI COSTITUZIONALI. VANNO SOSPESE SUBITO”

 

“Le sanzioni disciplinari comminate a una docente di Palermo, rea di non aver controllato un video prodotto dagli allievi  nel quale, in occasione della Giornata della memoria, ‘si accostava’ il decreto sicurezza varato dal governo alle leggi razziali del 1938 è del tutto ingiustificata. Si tratta di un episodio molto grave e inaccettabile. La sanzione comminata viola infatti apertamente i prìncipi della libertà d’insegnamento e del diritto all’apprendimento previsti dall’ordinamento scolastico e sanciti dalla Costituzione”, dichiarano le senatrici Loredana De Petris, di La Sinistra, presidente del gruppo Misto, e Paola Nugnes, del M5S.

“Abbiamo già presentato un’interrogazione rivolta ai ministri dell’Istruzione e degli Interni per sapere se intendano adoperarsi, come sarebbe doveroso, per sospendere una sanzione ingiusta, irragionevole e che lede gravemente i princìpi della nostra Costituzione”, concludono le senatrici De Petris e Nugnes.

Approfondisci