All posts by editor gruppomistosenato

MIGRANTI – DE PETRIS (LEU): “DI NUOVO VIOLATO IL DIRITTO DEL MARE, LA NAVE MARE JONIO SIA PORTATA SUBITO IN SALVO”

“Ancora una volta violato il diritto del mare. Il Ministro Salvini sta bloccando una nave battente bandiera italiana, mettendo a serio rischio la vita di 49 migranti, tra i quali ce ne sarebbe anche uno che versa in gravissime condizioni. La nave Mare Jonio della missione Mediterranea è in balia di una forte tempesta, con onde alte tre metri. E’ necessario che la nave sia portata in salvo immediatamente, così come prevedono le leggi internazionali del mare”.

Lo ha detto la senatrice di LeU Loredana De Petris, presidente del gruppo Misto

Approfondisci

CLIMA – DE PETRIS (LEU): “DOMANI NON PUO’ ESSERE IL SOLITO ‘ALTRO GIORNO’, BISOGNA AGIRE SUBITO”

 

 

“Le manifestazioni di oggi in Italia e nel mondo sono state una boccata d’ossigeno, non solo per la quantità di persone che hanno risposto all’appello di Greta manifestando contro i cambiamenti climatici, che minacciano seriamente il pianeta e la sopravvivenza della specie, ma anche per la composizione delle manifestazioni. Da decenni non vedevamo nelle strade di tutto il mondo nello stesso momento tanti giovani, così motivati, così consapevoli della situazione, così entusiasti e insieme determinati. Un’intera generazione teme a ragion veduta per il proprio futuro e chiede a chi ha la responsabilità di decidere di agire. Non in futuro e con timidi passettini ma subito e con scelte drastiche.  E’ con la non-azione che si sta rubando il futuro ai giovani”, afferma la senatrice di LeU Loredana De Petris, presidente del gruppo Misto.

“Oggi tutti plaudono a queste manifestazioni ma l’esperienza purtroppo dice che domani sarà un altro giorno, gli applausi saranno dimenticati, le decisioni urgenti e necessarie non saranno prese. Ma domani non sarà affatto un altro giorno. Non può e non deve essere il solito ‘altro giorno’. Bisogna decidersi ad agire qui e ora. Il governo attuale, come quelli precedenti, non sta adottando le misure necessarie per accelerare la transizione energetica. Il passaggio dai fossili alle energie rinnovabili è fermo e non c’è vero contrasto alle emissioni clima-alteranti. Occorrono scelte precise a favore della mobilità sostenibile, leggi per arrestare il consumo del suolo, incentivi robusti per le energie alternative e disincentivi per quelle basate su fossili, tagli drastici alle emissioni clima-alteranti, l’avvio del piano di adattamento ai cambiamenti climatici, interventi sensibili in agricoltura. Si parla solo di grandi opere mentre quel che serve è un Green New Deal basato su investimenti pubblici e opere piccole e medie per il risanamento e la messa in sicurezza del territorio. Chi plaude alle manifestazioni di oggi e poi sostiene le grandi opere e lo stesso modello di sviluppo che ha creato questa situazione è semplicemente ipocrita. Quello che i giovani di tutto il mondo ci hanno detto oggi è che non si può nascondersi dietro parole vuote. Bisogna procedere con quello che può e che deve essere fatto per fermare i cambiamenti climatici”, conclude la senatrice di LeU .

Approfondisci

CLIMA – DE PETRIS (LEU): “I GIOVANI CHIEDONO UN CAMBIO DI ROTTA, LA ‘NON AZIONE’ DEL GOVERNO GLI STA RUBANDO IL FUTURO”

“E’ emozionante e incoraggiante che tanti giovani abbiano preso una posizione precisa sui cambiamenti climatici per richiamare tutti i governanti alle proprie responsabilità in merito all’attuazione degli accordi di Parigi sul clima. Questo non è il solito sciopero, ma un appuntamento simbolico che fa ben sperare per il futuro”.

Così la senatrice di Leu Loredana De Petris, presidente del gruppo Misto, che sarà presente domani 15 marzo alla marcia per il clima, commenta l’appuntamento con il Global Strike for Future, nato dalla protesta della giovane attivista svedese Greta Thinberg.  

“Anche il rapporto sullo stato del pianeta (Global Environment Outlook), pubblicato dall’Onu, ci avverte che siamo arrivati a un bivio, perché l’intero ecosistema è a rischio. Il Governo italiano è invece colpevolmente in ritardo sul fronte della riconversione ecologica dell’economia, dei consumi e del modo di concepire, sanare e curare il territorio. Per combattere i cambiamenti climatici, occorre accelerare sulla transizione energetica, dalla dipendenza dei fossili alle rinnovabili, e ridurre drasticamente le emissioni climalteranti, così da contenere l’innalzamento delle temperature sotto gli 1,5 gradi centigradi.  I giovani hanno capito che ogni individuo ha il potere di fare del mondo un posto migliore. Ora tocca ai governi correre ai ripari, perché la ‘non azione’ sta rubando il futuro ai giovani”.

Approfondisci

XYLELLA – DE BONIS (GRUPPO MISTO): “CHI HA PAURA DELLA COMMISSIONE D’INCHIESTA?”

 

“Chi ha paura della Commissione d’inchiesta sulla Xylella fastidiosa? Da quando, dopo mesi e con enorme fatica, siamo riusciti a portare in discussione la proposta di istituire una Commissione d’inchiesta sulla Xylella fastidiosa in Puglia, non manca giorno che arrivino richieste di bocciatura della stessa. Un fatto più che mai anomalo se si considera che attorno a questa questione si sta ridisegnando il futuro agricolo, economico, sanitario e ambientale di un’intera regione e si stanno riversando montagne di soldi pubblici, che meriterebbero quantomeno una gestione oculata e trasparente”. Lo dichiara il senatore del gruppo Misto Saverio De Bonis, membro della Commissione Agricoltura.

“A quanto pare la ricerca di fare chiarezza fa paura a molti. Non ultimo Confagricoltura Puglia, che proprio oggi ha implorato noi Senatori di affossare la Commissione d’inchiesta adducendo come motivazione che l’unica soluzione è l’eradicazione di milioni di ulivi autoctoni e secolari, magari al fine di riconvertire l’intero comparto in colture intensive e superintensive. Un progetto, tanto fallimentare quanto antieconomico, al quale Confagricoltura aspira da tempo e che solo grazie alla Xylella si potrebbe concretizzare, per la gioia di alcune associazioni di categoria, ma a discapito di tantissimi agricoltori della nostra terra e dei cittadini pugliesi tutti. Se c’è una cosa a cui è servita l’Indagine conoscitiva, svoltasi alla Camera dei deputati,  è sottolineare ancora una volta gli evidenti conflitti d’interesse in essere e l’accanimento, doloso e pretestuoso, contro chi, con poche risorse ma grandi competenze, sta affrontando la questione dei disseccamenti e salvando gli ulivi salentini. Le evidenti omissioni, incongruenze e inesattezze presenti nella relazione conclusiva dell’indagine e negli atti emanati, rispetto a quello che è stato affermato da diversi esponenti della comunità scientifica e audito dalla Commissione Agricoltura alla Camera ne è l’ennesima prova: la questione Xylella è più che mai aperta e necessita di un approfondimento serio e disinteressato che io non smetterò mai di richiedere a chi, di dovere, dovrebbe tutelare i diritti dei cittadini e il bene del nostro Paese”, ha concluso De Bonis.

Approfondisci

CLIMA – SEGRE: “RINGRAZIO IL PRESIDENTE MATTARELLA PER LE SUE PAROLE SULL’EMERGENZA CLIMATICA”

 

“Caro Presidente, ho apprezzato sinceramente le sue parole sull’emergenza climatica. E’ un cambiamento epocale con il quale dobbiamo fare i conti. Il nostro Paese, bellissimo, deve tutelare il paesaggio ed il patrimonio, come prevede la Costituzione e come lei ha ricordato. E per questo la ringrazio, con stima”.

Questo il testo del messaggio che la senatrice a vita Liliana Segre ha inviato al Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella.

Approfondisci

FANGHI TOSSICI – DE BONIS (GRUPPO MISTO): “COSTA RIPRISTINI I LIMITI PRECAUZIONALI PER IL CONCENTRAMENTO NEI TERRENI”

 

“No alla legittimazione a sversare sostanze nocive nei terreni: il Ministro Costa ripristini  i limiti precauzionali di concentrazione dei fanghi di depurazione usati come concimi, così come previsto già dal DL 152/2006, che fissa una soglia di 50 mg/kg di sostanza secca”.

Lo chiede il senatore del gruppo Misto Saverio De Bonis, in un’interrogazione al Ministro dell’Ambiente, ricordando che “la legge 130/2018 ha alzato i limiti degli inquinanti dannosi per la salute tra cui PCB, Toluene, Selenio, Berillio, Arsenico e Cromo, in contrasto con il principio di precauzione di derivazione comunitaria; mentre la Regione Lombardia ha emanato un decreto che pone il divieto di spandimento dei fanghi provenienti da depurazione in agricoltura in numerosi comuni”.

Nell’interrogazione il senatore De Bonis chiede anche di  sapere “a che punto è la normativa di settore in materia di fanghi di depurazione, visto che il testo definitivo dell’art. 41 del Decreto Genova enuncia espressamente che i nuovi parametri si sarebbero applicati ‘nelle more di una revisione organica della normativa di settore’. Occorre cambiare subito rotta se si vuole difendere la salute dei consumatori e il made in Italy”.

Approfondisci

CLIMA – DE PETRIS (LeU): “RINGRAZIO IL CAPO DELLO STATO PER IL SUO ALLARME. MATTARELLA HA RAGIONE: PER EVITARE CRISI CLIMATICA GLOBALE BISOGNA AGIRE SUBITO”

 

“Dobbiamo tutti ringraziare il capo dello Stato per le sue parole di estremo allarme per i mutamenti climatici che mettono a massimo rischio anche il nostro Paese. Troppo spesso le manifestazioni inequivocabili di questi disastrosi cambiamenti vengono liquidate come eventi straordinari, contro i quali non c’è nulla da fare.  Invece siamo davvero, come segnala il presidente Mattarella, sull’orlo di una crisi climatica globale che può essere contrastata solo con scelte politiche coraggiose e adeguate al livello della minaccia. Nell’agenda del governo, invece, questa urgenza non trova assolutamente posto e al contrario ci si muove spesso in direzione opposta a quella che sarebbe urgentissimo imboccare”, afferma la senatrice di LeU Loredana De Petris, presidente del gruppo Misto.

“Le giovani generazioni sono più consapevoli della gravità della situazione. Il 15 marzo parteciperò alle manifestazioni che si svolgeranno in Italia, come ovunque nel mondo,  in occasione del Climate Strike, lo sciopero degli studenti di tutti i Paesi. Che i giovani siano consapevoli di quanto sia urgente passare a un diverso e più sostenibile modello di sviluppo è estremamente positivo ma il tempo, come ha giustamente ricordato il capo dello Stato, stringe e non ne è rimasto molto. Bisogna agire subito, prima che sia tardi”.

Approfondisci

TAV – DE PETRIS (LEU): “NON E’ CAMBIATO NIENTE, ENNESIMA RESA DEI 5S”

“Oggi il cda di Telt decide di pubblicare i bandi di gara per la prosecuzione del Tav, così come previsto e annunciato. La messa in scena allestita dal governo in questi giorni per nascondere il cedimento completo di M5S è puro inganno. La verità è che non è cambiato niente: il Tav va avanti con i tempi già decisi e ancora una volta Salvini vince, concedendo ai 5S solo una striminzita foglia di fico per nascondere la resa di Di Maio”,  dichiara la senatrice di LeU Loredana De Petris, presidente del gruppo Misto.

“Da quando è nato il governo Conte,  l’ M5S si è rimangiato uno dopo l’altro tutti gli impegni sbandierati per anni, sul Tap, sull’Ilva e ora anche sul Tav. Abbiamo sempre detto che c’erano e ci sono tutte le condizioni politiche e tecniche per fermare un’opera tanto costosa quanto dannosa. L’unica via seria è dire chiaramente che il Tav non si farà, non per ideologia, ma perché è un’opera irragionevole che va a solo vantaggio di alcune aziende direttamente interessate. Il Movimento Cinque Stelle non ha avuto il coraggio di farlo e temo che non lo avrà neppure quando, tra pochi mesi, si chiuderà anche l’ultimo spiraglio. Noi continueremo a batterci con ogni mezzo a nostra disposizione contro il Tav, a fianco della popolazione della Val di Susa che è stata letteralmente cancellata dai calcoli e dai commenti di questi giorni, come se gli abitanti della Valle non dovessero avere più voce in capitolo su scelte che incideranno a fondo sulle loro vite”.

Approfondisci

SCUOLA – DE PETRIS (LEU): “L’ANNO PROSSIMO SARA’ EMERGENZA, VELOCIZZARE TEMPI CONCORSI PERSONALE PRECARIO”

“Visto l’alto numero di precari che da anni lavorano nella scuola statale e paritaria con regolarità di contratto e che da anni aspettano l’assunzione a tempo indeterminato, chiediamo al Ministro Bussetti di velocizzare i tempi per i prossimi concorsi e riferire i numeri reali relativi al personale precario inserito nelle graduatorie ad esaurimento”.

Così la senatrice di Liberi e Uguali Loredana De Petris, presidente del gruppo Misto, in un’interrogazione al Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, in cui chiede anche: “quanti siano i vincitori dell’ultimo concorso in attesa di assunzione a tempo indeterminato e quali siano le consistenze delle seconde e terze fasce d’istituto”.

“L’anno prossimo la scuola vivrà una vera e propria condizione di emergenza, con oltre 150.000 cattedre e oltre 24.000 posti ATA scoperti. Ciò renderà assai difficile garantire il diritto allo studio degli studenti, anche perché tutti i concorsi sono in ritardo. Non c’è altro tempo da perdere, Bussetti si attivi per abbassare i costi del TFA di sostegno attivati dalle Università, che raggiungono cifre anche superiori a 3000 Euro e chiarisca come intenda dare compimento ad un piano di stabilizzazione per coloro che comunque da anni, con le loro supplenze annuali, hanno superato i 36 mesi e garantiscono il regolare funzionamento delle scuole”.

 

Approfondisci