All Posts Tagged: Loredana De Petris

RDC – DE PETRIS (LeU): “CRITICITA’ ENORMI MA CI SIAMO ASTENUTI PER INVIARE UN SEGNALE PER MODIFICHE ALLA CAMERA”

 

“Ci siamo astenuti sul decreto che introduce il reddito di cittadinanza e quota 100 perché non volevamo opporci a misure che comunque si propongono di offrire un sostegno alle fasce più povere della popolazione e di intervenire, pur senza superarla, sulla legge Fornero. Siamo sempre stati favorevoli a un reddito di base davvero universalistico e abbiamo contrastato sin dall’inizio la riforma delle pensioni. Ciò non significa affatto non vedere le immense criticità che ci sono nel decreto”, afferma la senatrice di LeU Loredana De Petris, presidente del gruppo Misto.

“In particolare ci sono nel RdC inaccettabili elementi di discriminazione e c’è una burocratizzazione che renderà allo stesso tempo molto meno utile e molto più confusa la riforma. E’ questa una conseguenza del tentativo di tenere insieme due esigenze diverse, che avrebbero richiesto misure distinte: il sostegno alla povertà e quello alla ricerca dei posti di lavoro. E’ inoltre necessario chiarire il ruolo e l’inquadramento dei cosiddetti ‘navigator’ e deve essere chiarito che è prima di tutto necessario stabilizzare quei lavoratori dell’Anpal che sono da troppo tempo costretti a una condizione di precariato permanente. Quanto a quota 100 è chiaro che non si tratta affatto del superamento promesso della legge Fornero ma solo dell’introduzione di una nuova finestra. Con la nostra astensione abbiamo voluto inviare un segnale, nell’auspicio che alla Camera possano essere corretti i limiti enormi che la riforma presenta al momento”.

Approfondisci

AUTONOMIE – ERRANI E DE PETRIS (LeU): “LE RISPOSTE DI CONTE NON RASSICURANO SUL RISPETTO DELLA COSTITUZIONE E SULLE PREROGATIVE DEL PARLAMENTO”

“La risposta del presidente del consiglio alla nostra interrogazione sulle autonomie differenziate non ci ha rassicurato. Il presidente Conte ha infatti evitato di dire una parola chiara sui nodi principali del problema. Non basta dire che le risorse per tutte le Regioni resteranno invariate senza chiarire se le competenze dalle quali dipende l’effettivo rispetto del dettato costituzionale sull’eguaglianza dei diritti di tutti i cittadini, come Sanità, Istruzione e Politiche ambientali, resteranno allo Stato centrale. E’ essenziale inoltre che il punto di partenza sia una definizione precisa dei Lep  e che i princìpi cardine siano fissati rigorosamente prima di qualsiasi passo ulteriore”, commentano i senatori di LeU Loredana De Petris e Vasco Errani dopo la risposta del premier Conte all’interrogazione di LeU sulle autonomie differenziate.

“Tanto meno ci si può accontentare della  generica promessa di coinvolgere il Parlamento. In una materia che tocca così a fondo sia la vita dei cittadini che il rispetto della Costituzione è necessario che il Parlamento possa intervenire, discutere e ed emendare a fondo il testo. Deve pertanto essere detto senza ambiguità dal governo stesso che non si può applicare a questa materia l’art. 8 della Costituzione, che regola i rapporti con le minoranze religiose. Si tratta di due materie diversissime e distanti che non ha alcun senso confondere”, concludono i senatori di LeU.

Approfondisci

SCUOLA – DE PETRIS (LEU): “MAESTRO UMILIA UN BIMBO NERO, E’ RAZZISMO, ALTRO CHE ESPERIMENTO SOCIALE!”

 

“Altro che esperimento sociale, questo è un gravissimo e abominevole episodio di razzismo, ancora più grave perché accaduto in una scuola primaria. Chiediamo al Ministro dell’Istruzione di appurare nel più breve tempo possibile la notizia riportata nei giorni scorsi dagli organi di stampa, perché qualora risultasse vera ci troveremmo di fronte a un vero e proprio tradimento delle “buone pratiche” sperimentate in questi anni dalla scuola italiana, sempre fondate sulla condivisione delle differenze”

Lo dichiara la senatrice di Liberi e Uguali, Loredana De Petris, presidente del gruppo Misto, che ha presentato un’interrogazione al ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca in merito alla vicenda accaduta in una scuola primaria di Foligno, dove un maestro avrebbe costretto un bambino nero a voltarsi verso la finestra additandolo a tutta la classe come “troppo brutto” per essere guardato in viso e che lo stesso docente avrebbe poi giustificato il suo comportamento adducendolo a un esperimento sociale inspirato ad altri che si trovano in rete.

“Chiediamo anche al Ministro Bussetti di effettuare un’immediata indagine nella scuola primaria in questione, per verificare i regolamenti e le pratiche in uso e di assumere in ogni scuola di ordine e grado del Paese tutte le iniziative utili a contrastare i ripetuti episodi di stampo razzista nei confronti degli immigrati, al fine di favorire l’idea di una scuola che sia sempre inclusiva, laica e democratica”.  

Approfondisci

AUTONOMIE – CAPIGRUPPO LeU: “PROPOSTO INTERGRUPPI SU NODI RIFORMA. FONDAMENTALE CHE IL PARLAMENTO POSSA ESERCITARE PROPRIE PREROGATIVE COSTITUZIONALI”

“Abbiamo proposto oggi la costituzione di un intergruppo composto da parlamentari sia di maggioranza che delle minoranze sui nodi, i problemi e i rischi che l’accordo sulle autonomie rafforzate comporta”, dichiarano i capigruppo di LeU Loredana De Petris e Federico Fornaro al termine dell’incontro svoltosi al Senato con la partecipazione di numerosi parlamentari oltre che di costituzionalisti ed esperti.

“In questa vicenda ci sono problemi di merito ma anche di metodo. Riteniamo fondamentale impedire che una materia così importante e delicata passi senza un adeguato esame del Parlamento. Appellarsi all’art. 8 della Costituzione, pensato a tutela delle minoranze religiose, è infatti solo un volgare espediente per impedire al Parlamento sovrano di esercitare le proprie prerogative costituzionali”.

Approfondisci

AUTONOMIE – DE PETRIS (LeU): “ASSURDO PENSARE DI INCIDERE A FONDO SULLA VITA DEI CITTADINI SENZA UN ADEGUATO PASSAGGIO PARLAMENTARE”

“L’accordo sulle autonomie rafforzate rischia di incidere profondamente sulla vita dei cittadini. Pensare di farlo limitando il ruolo del Parlamento a una mera ratifica, del tipo prendere o lasciare, senza che i rappresentanti del popolo e dei territori possano intervenire ed emendare è inconcepibile. Invece è proprio quello che il governo vorrebbe fare appellandosi a un articolo della Costituzione, l’art. 8, che riguarda una questione molto diversa: quella dei rapporti con le confessioni religiose acattoliche”, dichiara la senatrice di LeU Loredana De Petris aprendo i lavori dell’incontro-convegno in corso al Senato sulla riforma delle autonomie.

“Alcune parti della bozza d’accordo confliggono vistosamente con l’art. 3 della Costituzione e per questo il dibattito si è concentrato sui residui fiscali e sui Lep. Ma c’è una competenza, quella sull’Ambiente, in merito alla quale non basta neppure il rispetto dei Lep. L’Ambiente deve restare di competenza nazionale. E’ assurdo che un Paese prima firmi gli accordi di Parigi sul clima e poi deleghi alle autonomie regionali la decisione sul se e sul come applicare quegli accordi”.

Approfondisci

CONFERENZA STAMPA

 

AUTONOMIA DIFFERENZIATA O SECESSIONE MASCHERATA?

20 febbraio 2019, ore 15.00

Sala “Caduti di Nassirya”, Palazzo Madama

presso il Senato della Repubblica

piazza Madama, 11 – Roma

“Invitiamo tutti i colleghi parlamentari a discutere sul regionalismo differenziato e avviare la costituzionedi un intergruppo parlamentare sul tema”.

Intervengono:

 

Loredana De Petris, Capogruppo di LEU e Presidente del Gruppo Misto, Senato della Repubblica;                                                                                                                

Federico Fornaro, Presidente del Gruppo LEU, Camera dei Deputati;

 

– Gianfranco Viesti, Professore ordinario di Economia Applicata, Dipartimento di Scienze politiche dell’Università di Bari;

 

– Massimo Villone, Professore emerito di Diritto costituzionale nell’Università degli studi di Napoli Federico II;

 

parteciperanno diversi esponenti della cultura e dell’associazionismo e numerosi Deputati e Senatori di diversi gruppi.

Le opinioni e i contenuti espressi nell’ambito dell’iniziativa sono nell’esclusiva responsabilità dei proponenti e dei relatori e non sono riconducibili in alcun modo 
al Senato della Repubblica o ad organi del Senato medesimo
L’accesso alla sala – con abbigliamento consono e, per gli uomini, obbligo di giacca e cravatta – è consentito fino al raggiungimento della capienza massima.
I giornalisti devono accreditarsi secondo le modalità consuete inviando un fax allo 0667062947.
Approfondisci

DICIOTTI – DE PETRIS (LeU): “PER IL M5S SALVINI PUO’ AGIRE AL DI FUORI DALLA LEGGE E FARLA FRANCA. IL GOVERNO VAL BENE UN’ABIURA”

“Il voto della piattaforma Rousseau ha salvato il ministro Salvini sottraendolo al giudizio della magistratura. Non è stata certo una sorpresa. Da un pezzo si era capito che, dopo aver affermato per anni che ci si difende nei processi e non dai processi, i vertici del M5S avevano deciso che in questo caso si doveva invece difendere a tutti i costi il vicepremier dal processo e gli iscritti si sono uniformati. Il governo val bene un’abiura. I pentastellati hanno consacrato un nuovo principio: purché facciano parte del loro governo, i ministri possono agire al di fuori della legge”, dichiara la senatrice di LeU Loredana De Petris, presidente del gruppo Misto.

Approfondisci

AUTONOMIA – DE PETRIS (LEU): “IMPEDIRE SECESSIONE MASCHERATA”

“La bozza di accordo sulle autonomie rafforzate presentata dalla ministra Stefani prefigura una trasformazione radicale del Paese, di portata persino superiore a una riforma della Costituzione. Non si tratta più di autonomia regionale ma di una secessione delle aree territoriali più ricche che viola princìpi fondamentale sanciti dalla Costituzione”, dichiara la senatrice di LeU Loredana De Petris, presidente del gruppo Misto.

“E’ del tutto inaccettabile un calcolo dei cosiddetti fabbisogni standard delle Regioni che chiedono maggiore autonomia sulla base del gettito fiscale di quelle stesse Regioni. E’ necessario ed è  reso obbligatorio dalla nostra Costituzione partire invece dal calcolo dei Lep, i Livelli essenziali di prestazione, per evitare di dividere gli italiani in cittadini di serie A e di serie B.  Per la stessa ragione non si può pensare di affidare alle singole Regioni la totale competenza su materie come la Sanità, l’Istruzione e le Infrastrutture, per non parlare dell’Ambiente. Intendiamo forse, dopo aver firmato l’accordo di Parigi, delegare alle singole Regioni la scelta sul rispettarlo o meno? In ogni caso è del tutto inconcepibile che una riforma di questa portata e che rischia di incrinare il principio dell’eguaglianza tra tutti i cittadini venga approvata con un solo voto del parlamento, come se fosse una mera ratifica. Deve essere discusso approfonditamente ed emendato dal parlamento e appellarsi all’art.8 della Costituzione per riapplicare il modello dei culti acattolici al regionalismo differenziato è una pura truffa che mira a imbavagliare il Parlamento costringendolo alla scelta tra prendere e lasciare”.


Approfondisci

TAV – DE PETRIS (LeU): “NON C’ERA BISOGNO DI COMMISSIONI PER SAPERE CHE E’ UN’OPERA INUTILE E DANNOSA”

“Non c’era bisogno delle consulenze e delle analisi commissionate dal governo per sapere che la Tav è un’opera poco utile e molto dannosa, sulla quale molti si impuntano non per razionalità ma per difendere una bandiera. Del resto non è mica un caso se in decenni la Tav ha fatto così pochi passi avanti”, afferma la senatrice di LeU Loredana De Petris, presidente del gruppo Misto.

“Di opere questo Paese ha bisogno, ma di opere utili per i cittadini. Per esempio Salvini, dopo aver vinto le elezioni, potrebbe preoccuparsi dei pendolari dell’Abruzzo e investire i miliardi che dovrebbero essere sprecati per la tratta Torino-Lione in linee ferroviarie in grado di rendere i loro spostamenti meno drammatici, lunghi e difficoltosi. Non capisco poi il discorso sui posti di lavoro che senza la Tav andrebbero persi, ripetuto ogni giorno dal presidente di Confindustria Boccia. Investire in opere infrastrutturali utili non significherebbe anche posti di lavoro? Insistono solo sulla Tav perché hanno una passione per i tunnel o per calcoli meno infantili e innocenti?”.

Approfondisci

PASTORI SARDI – DE PETRIS (LeU): “SOPRUSI NELLA FILIERA A DANNO DEGLI ALLEVATORI”

 

“I pastori della Sardegna hanno ragione ed è urgentissimo fronteggiare una situazione che senza un intervento immediato rischia di precipitare nella miseria 14mila aziende agricole dell’isola. I dati parlano da soli e dicono che siamo già molto oltre l’allarme rosso: tre anni fa il prezzo del latte era 1,20 euro al litro per un introito complessivo di 456 mld di euro. Oggi il prezzo al litro del latte è di 0,60, euro, cioè 10 cm in meno di quanto costa ai produttori. E’ un dimezzamento che comporterà una perdita di 228 mln di euro”, afferma la senatrice Loredana De Petris, presidente del gruppo Misto.

 “Dodicimila allevatori della Sardegna sono vittime dei soprusi quotidiani derivanti dallo squilibrio nella filiera del prodotto, dove pochi trasformatori e distributori decidono i prezzi a loro esclusivo vantaggio. Abbiamo approvato in Parlamento una disposizione specifica sulle pratiche sleali e sugli abusi di posizione dominante nella produzione e nel commercio dei prodotti deperibili, il Governo chiarisca per quale motivo non viene applicata.”

        La capogruppo De Petris ha presentato oggi una interrogazione urgente al Ministro delle Politiche Agricole e al Ministro dell’Interno sulla situazione del latte in Sardegna e sulla protesta dei pastori.

        “L’autorità Antitrust – dichiara la senatrice – avrebbe dovuto già da tempo accendere i riflettori sulla filiera del latte sardo, come previsto dall’art.62 del decreto-legge n.1 del 2012. E’ in gioco non solo la sopravvivenza della pastorizia, ma una parte irrinunciabile della cultura e della tradizione dell’isola. Abbiamo notizia che prefetti e questori hanno già provveduto in più occasioni ad identificazioni e denunce a carico dei manifestanti che rischiano, fra l’altro, di incorrere nelle nuove sanzioni contro le manifestazioni stradali introdotte dal cosiddetto decreto sicurezza. Invece di organizzare la repressione, il Ministro dell’Interno e il Ministro delle Politiche Agricole si occupino di difendere l’interesse dei più deboli e di aprire una prospettiva di sviluppo per un prodotto fondamentale per l’economia della Sardegna.”

Approfondisci