All Posts Tagged: Leu

UCRAINA – DE PETRIS (LeU): “IL DIBATTITO PARLAMENTARE NON È UN RITO. SERVE UN COINVOLGIMENTO MOLTO PIU’ FORTE”

“Nella situazione nella quale ci troviamo oggi, con diverse crisi concomitanti, il compito della politica e del Parlamento è dire chiaramente quali strumenti mettiamo in campo per affrontare questi problemi: guerra, crisi energetica, crisi idrica. La discussione in Parlamento non può essere solo un rito. Sono necessari un coinvolgimento e una assunzione di responsabilità del Parlamento molto più forti, che rappresentano un aiuto e un sostegno all’azione di governo”, afferma nella sua dichiarazione di voto la capogruppo di LeU al Senato Loredana De Petris.

“Il primo punto della risoluzione di maggioranza indica una strada molto chiara: non ci possiamo rassegnare all’idea che andremo verso una sorta di guerra permanente. Dobbiamo mettere in campo tutte le iniziative negoziali e multilaterali per arrivare al cessate il fuoco. È interesse comune di tutti tornare a un percorso di dialogo. Per fronteggiare la crisi energetica il Price Cap è un obiettivo per noi cruciale. Se non riusciamo a farlo passare in Europa dobbiamo pensare a una strada in proprio, come già fanno altri Paesi europei. Ma deve essere ben chiaro che la crisi energetica non può farci rimettere in discussione obiettivi vitali come la riduzione delle emissioni e il passaggio alle rinnovabili. Questa crisi può essere invece l’opportunità per cominciare a correre”, conclude la capogruppo di LeU.

Approfondisci

PNRR – DE PETRIS (LeU): “NESSUN TAGLIO PER LA SCUOLA E MOLTI MIGLIORAMENTI”

“La card docenti è salva, così come l’organico di potenziamento, perché le risorse della scuola non vanno sottratte. Alla base della qualità di un processo di educazione e apprendimento vi è la qualità della formazione, la stabilità dei suoi attori e la scuola si è caratterizzata in questi anni per la forte perdita di stabilità del personale”, afferma la capogruppo di LeU al Senato Loredana De Petris.

“Abbiamo migliorato molto il testo iniziale del PNRR dando un percorso certo al sistema di formazione iniziale di abilitazione per permettere alle Università di mettere a punto in fretta i corsi. Abbiamo inoltre semplificato le norme transitorie per l’accesso ai concorsi per il personale precario e messo fine alle crocette. Sono molto soddisfatta per aver prorogato al 2025 la procedura straordinaria sul sostegno, che garantisce agli insegnanti specializzati sul sostegno di poter entrare in ruolo laddove siano esaurite le graduatorie di merito. È una misura volta a garantire i più deboli tra gli studenti e le studentesse, che finalmente avranno più insegnanti di sostegno a tempo indeterminato. Allo stesso modo i precari che hanno svolto tre anni di servizio sul sostegno senza il possesso del titolo di specializzazione, potranno accedere direttamente ai corsi per la specializzazione erogati dalle Università. Tutto questo è stato possibile perché siamo stati compatti e il Senato è stato decisivo per migliorare il testo iniziale”, conclude la capogruppo di LeU.

Approfondisci

MALAGROTTA – DE PETRIS: (LeU): “LA SITUAZIONE DEI RIFIUTI A ROMA È GRAVISSIMA. IMPOSSIBILE PROSEGUIRE CON IMPIANTI MASTODONTICI”

“Presenteremo subito un’interrogazione per fare chiarezza sul gravissimo incendio di Malagrotta. La prima urgenza, di fronte a un disastro ambientale come questo, è garantire la sicurezza degli abitanti della Valle Galeria e delle zone limitrofe mettendoli al riparo dalle sostanze tossiche sprigionate dall’incendio: diossina e benzina. Bisogna procedere subito con l’analisi dei dati delle ARPA, prendere tutte le misure precauzionali necessarie per proteggere la salute dei cittadini di Roma e per contenere i rischi ambientali”, afferma la capogruppo di LeU al Senato Loredana De Petris.

“La gravità della situazione dei rifiuti a Roma è evidente e costituisce un fattore di rischio molto grave per gli abitanti della città e per l’ambiente. Non si tratta infatti nel primo incidente del genere. È ora di capire che non si può andare avanti con impianti mastodontici che trattano tali quantità di rifiuti non differenziati. È necessario insistere immediatamente su una capillare raccolta differenziata, in grado anche di scongiurare disastri ambientali e sanitari come quello cui ci troviamo di fronte”.

Approfondisci

RIFORMA CSM – DE PETRIS (LeU): “PASSI IN AVANTI MA SAREBBE STATO NECESSARIO AVERE PIU’ CORAGGIO”

“Questa riforma dell’ordinamento giudiziario è certamente un passo avanti ma non ci si può nascondere che sarebbe stato necessario varare una riforma migliore di questa. Ci sarebbe voluto più coraggio e spero che sia possibile intervenire ulteriormente nella prossima legislatura. In parte la possibilità di migliorare il testo è stata sacrificata sull’altare dell’accordo di maggioranza ma in parte la responsabilità di aver impedito al Senato di provare a rendere più efficace la riforma va attribuita alla scelta sbagliata e fallimentare di battere la via dei referendum”, afferma la capogruppo di LeU al Senato Loredana De Petris.

“Uno dei principali limiti è nel sistema elettivo del Csm, che non elimina alla radice il peso delle correnti e dunque non premia come si dovrebbe il merito invece dell’appartenenza a una corrente. Sarebbe poi stato opportuno, a nostro avviso, blindare le porte girevoli tra magistratura e politica, anche se da questo punto di vista c’è un passo avanti importante, con il collocamento fuori ruolo per un anno o il ricollocamento per i magistrati che abbiano ricoperto posizioni politiche apicali. Ci sono nella riforma molti altri aspetti positivi che spiegano il nostro sì, che resta comunque sofferto. Ad esempio la necessità di rivedere l’assetto ordinamentale della magistratura, rimodulandolo secondo principi di trasparenza e valorizzazione del merito. Per quanto riguarda la delega al governo, infine, saremo molto scrupolosi nell’assicurarci che l’Esecutivo scriva norme nel pieno rispetto dei confini che il Parlamento delibera oggi”, conclude la capogruppo di LeU.

Approfondisci

ELEZIONI – DE PETRIS (LeU): “RIMETTERE IN DISCUSSIONE LE ALLEANZE A SINISTRA È IL FAVORE PiU’ GRANDE CHE SI POSSA FARE ALLA DESTRA”

“Il favore più grande che si possa fare oggi alla destra è mettersi a discutere e litigare sulle alleanze, rimettendo in discussione i risultati raggiunti, ponendo veti e facendo prevalere logiche anguste sul progetto politico. Se si imbocca quella strada la sconfitta alle elezioni politiche è assicurata”, afferma la capogruppo di LeU al Senato Loredana De Petris.

“Il metodo giusto è proprio quello opposto: cercare di costruire una coalizione il più vasta possibile a partire da un’idea comune della società italiana, mettendo da parte veti e chiusure ma anche capendo che non ci si può limitare a chiedere il voto per fermare la destra. Bisogna proporre una visione convincente del futuro, centrata sulla riconversione ecologica, la lotta alle diseguaglianze e i diritti civili. A questo stiamo lavorando sin dai tempi del governo Conte 2 e su quella via dobbiamo proseguire”, conclude la presidente De Petris.

 

Approfondisci

AMMINISTRATIVE – DE PETRIS (LeU): “ASSURDO RIMETTERE IN DISCUSSIONE LE ALLEANZE A SINISTRA. LA COALIZIONE NON È UN GIOCO DA TAVOLINO: SI BASA SU UN PROGETTO E UNA VISIONE COMUNI”

“Senza neppure attendere l’esito dei ballottaggi è già ripartito il valzer delle alleanze, il tentativo assurdo di rimettere in discussione il percorso sin qui fatto per costruire una coalizione progressista di centrosinistra. Tutto sulla base di un test limitato e reso poco decifrabile dalla presenza massiccia delle liste civiche. Ma le alleanze non sono giochi da tavolino o somme di percentuali: sono progetti politici cementati da una visione comune del futuro delle città e del Paese”, afferma la capogruppo di LeU al Senato Loredana De Petris.
“Ora più che mai bisogna proseguire sulla strada di una coalizione fondata non sul pallottoliere ma su una visione comune, con al centro la transizione ecologica, la lotta alle diseguaglianze e i diritti civili. Solo se alle elezioni del 2023 sapremo offrire agli elettori questo progetto politico e questa idea di società potremo sconfiggere la destra”.

Approfondisci

REFERENDUM – DE PETRIS (LeU): “MODIFICARE IL QUORUM E RIPENSARE UNO STRUMENTO REFERENDARIO PER SALVAGUARDARLO”

“Credo che il dato dell’affluenza alle urne per i referendum, la più bassa di sempre, imponga un ripensamento sull’istituto referendario, che è prezioso e deve essere salvaguardato”, afferma la capogruppo di LeU al Senato Loredana De Petris.

“Prima di tutto bisogna usare i referendum con cautela e oculatezza. Non si può chiedere ai cittadini di esprimersi su materie squisitamente tecniche. Se la massa degli elettori non è in grado di valutare e decidere a ragion veduta come votare è naturale che diserti le urne. Ma per questa strada è lo stesso strumento referendario che finisce per essere delegittimato. Si pone però un problema serio anche per quanto riguarda il quorum. Non è possibile che i No possano avvalersi dell’astensione come se fosse un voto a favore della loro posizione. Il quorum deve quindi essere modificato e il referendum deve essere considerato valido se vota la metà più uno degli elettori che avevano votato nelle precedenti elezioni politiche”, conclude la capogruppo di LeU.

Approfondisci

AMBIENTE – DE PETRIS (LeU): “STOP ALLE AUTO BENZINA E DIESEL NEL 2035 È UN TEMPO SIN TROPPO CONGRUO. GIUSTO IL RINVIO IN COMMISSIONE DEL PIANO FIT FOR 55”

“Data la velocità con la quale galoppano i cambiamenti climatici sono giusti i 13 anni che dovranno passare prima dello stop alle auto a benzina, diesel e gpl. Le proteste e le richieste di deroga per l’Italia sono assurde e del tutto prive di fondamento. Il passaggio alle auto elettriche dovrebbe invece essere visto per quel che è: un’occasione per l’industria italiana dell’auto, che ha sempre scontato un ritardo sull’innovazione tecnologica compensato con la politica dei bassi salari”, afferma la capogruppo di LeU al Senato Loredana De Petris.

“Il parlamento europeo ha poi fatto bene a rinviare in commissione una parte sostanziale del Piano ‘Fit for 55’. Quel Piano, che è la colonna vertebrale del Green Deal, era stato infatti pesantemente stravolto e modificato, andando incontro agli interessi delle lobbies. Con quel testo sarebbe stato impossibile raggiungere gli obiettivi della diminuzione del 55% delle emissioni di Co2 entro il 2030 e della neutralità ambientale nel 2050. La commissione ha ora la possibilità di riconsiderare radicalmente il testo e renderlo uno strumento essenziale nella lotta contro le emissioni di Co2 e contro i cambiamenti climatici”.

Approfondisci

INFLAZIONE – DE PETRIS (LeU): “TROVARE SUBITO GLI STRUMENTI PER FRONTEGGIARE UNA CRISI CHE È GIA’ GRAVE E DOPO L’ESTATE POTREBBE ESPLODERE”

“Sono sempre più numerose le categorie che versano in una situazione gravissima. Interi settori, come quello della pesca, sono già stati messi in ginocchio dal rincaro dei prezzi dell’energia e delle materie prima. Moltissime famiglie non sono in grado di sostenere l’inflazione e l’impennata delle bollette. Siamo sull’orlo di una crisi sociale che minaccia di esplodere dopo l’estate, a maggior ragione se la guerra in Ucraina proseguirà. A questa crisi annunciata, in molte aree anzi in fase già avanzata, bisogna prepararsi subito a rispondere difendendo il potere d’acquisto, mettendo al riparo le fasce più povere della popolazione, sostenendo le aziende in difficoltà e aiutandole a restare competitive”, afferma la capogruppo di LeU al Senato Loredana De Petris.

“Bisogna insistere con massima forza perché la Ue vari un piano di sostegno, sul modello del Next Generation Eu, per i Paesi più colpiti da crisi e sanzioni. Bisogna anche, allo stesso tempo, studiare strategie che permettano comunque all’Italia di reggere l’urto della crisi. La situazione non è diversa da quella della crisi Covid. Anche in questo caso la bussola del governo deve essere la stessa: nessuno deve essere lasciato solo”.

Approfondisci